L’app italiana per trovare chi accetta Bitcoin in tutto il mondo

Due ragazzi stanno collaborando sull’asse Torino-Cagliari per lanciare una serie di progetti legati alla criptomoneta: si è partiti già da un’app per trovare chi accetta Bitcoin. In cantiere una piattaforma di crowdfunding.

Schermata 2014-10-09 alle 10.39.39

La storia di Davide e Davide non è quella di una startup. O meglio, non lo è ancora, ma potrebbe diventarlo. È la storia di una comunità forte, quella delle monete virtuali, all’interno della quale ci si conosce, si parla e si inizia a lavorare insieme. 23 anni lo sviluppatore, Davide Gessa, e 22 il responsabile della parte social, Davide Menegaldo, sono due studenti di Cagliari e Torino. Non si sono mai incontrati ma da maggio stanno lavorando a una serie di progetti legati a Bitcoin e al campo del fintech in generale. Il primo, già concretizzato, è BitcoinMap, una delle prime applicazioni per la consultazione mobile degli esercenti che accettano pagamenti con la critpomoneta.

“Per ora è disponibile solo per Android. L’intenzione è quella di realizzarla anche per iOs. Ci siamo basati sulla mappatura di CoinMap”, racconta Menegaldo, che proprio guardando il portale su cui sono segnalati gli oltre 2mila fra negozi e liberi professionisti convertitisi al circuito ha avuto l’idea di sfruttare la piattaforma mobile. L’app è gratuita e punta a distinguersi dalla concorrenza con funzioni aggiuntive, come la possibilità di segnalare un’area di riferimento e ricevere avvisi per nuove attività pronte ad accettare questo tipo di pagamento.

Schermata 2014-10-09 alle 10.50.57

L’elenco verrà anche filtrato per settore e la volontà è quella di introdurre anche liste di posti preferiti in cui recarsi in un secondo momento e il dialogo con altre app. La priorità è l’usabilità con una grafica chiara e gradevole e la possibilità di impostare il percorso per raggiungere il posto desiderato in modo rapido e diretto.

Al modello di business i due giovani studenti di informatica, Gessa, e ingegneria ambientale, Menegaldo, per ora non pensano: “Guadagnare non è il nostro primo pensiero, vogliamo diffondere la soluzione, soprattutto all’estero dove Bitcoin è più utilizzato”. Un domani potrebbe fare capolino un’area dell’app a pagamento, ma è prematuro parlarne.

Schermata 2014-10-09 alle 10.52.41unnamedDavide Gessa e Davide Menegaldo

Più vicino invece il lancio di Sound Square: “Una piattaforma per il crowdfunding dei musicisti indipendenti che Davide ha già presentato allo Startup Weekend di Cagliari”, spiega Menegaldo. Ed è proprio la velocità con cui le raccolte fondi in bitcoin o monete analoghe si concludono che ha attirato la sua curiosità. “È una comunità molto unita”, racconta, “io sto studiando tutt’altro e ho una grande passione per le energie rinnovabili, ma questo mondo mi affascina molto”.

La base dei progetti è il portale OpenBitLab, con cui comunicano il traguardo dei primi 100 download. Il futuro, compresa la creazione o meno di una startup vera e propria, è tutto da scrivere, a partire dall’incontro fra i due ragazzi. Il piccolo miracolo di farli lavorare insieme con questa convinzione sull’asse Cagliari-Torino la comunità l’ha già fatto.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)