immagine-preview

Giu 26, 2018

Addio code e ricerche sui siti dei comuni: Satispay integra PagoPA

La partnership si arricchisce: sull'applicazione di pagamento più cliccata d'Italia una sezione dedicata al saldo dei bollettini della pubblica amministrazione

Satispay aggiunge un altro tassello al suo ricco ecosistema di accordi e partnership. Lo conosciamo bene: si tratta del servizio di pagamenti in mobilità che ha in effetti rivoluzionato il settore (in Italia un pagamento mobile su due avviene tramite Satispay) basandosi su un network alternativo alle carte di credito e debito. Disponibile per iPhone, Android e Windows Phone, può essere utilizzato da chiunque abbia un conto corrente bancario per scambiare denaro con i contatti della propria rubrica telefonica ma anche e soprattutto per pagare nei punti vendita e negli e-commerce convenzionati con la semplicità con cui si invia un messaggio o si effettua il check-in sui social network. Mentre per gli utenti il servizio è gratuito, gli esercenti pagano una commissione fissa di 20 centesimi per le transazioni superiori ai 10 euro. Nulla, invece, sotto quella soglia né ci sono costi di attivazione o canoni mensili.

Bene, adesso Satispay fa un passo ulteriore anche nella già annunciata integrazione con PagoPA, la piattaforma unica di pagamento della Pubblica Amministrazione con cui saldare multe, tributi e altri servizi direttamente online, saltando file, perdite di tempo e prenotazioni. Dopo essere stato uno dei primi sistemi di pagamento accettati da PagoPA, da poche ore Satispay integra la stessa PagoPA nella sua applicazione.

Come si pagano multe e servizi alla Pa

Come funziona? Basta aprire Satispay dallo smartphone e accedendo alla sezione Servizi salterà fuori la voce “Bollettini PagoPA”. Addio file: inquadrando con la fotocamera il QR Code o inserendo i codici riportati sul bollettino in pochi passaggi si potranno pagare tasse, multe, bollo dell’auto, ticket sanitari, mense scolastiche e molto altro. A seconda, ovviamente, dell’ente interessato e dei servizi che ha reso disponibili su PagoPA. In generale, quali enti abbiano già aderito (sono migliaia) e cosa ci si possa pagare si può capire qui. Nel complesso bisogna ricordare che PagoPA non è l’ennesima piattaforma su cui pagare ma una modalità per eseguire in modo standardizzato i pagamenti verso la pubblica amministrazione tramite una serie di intermediari. Adesso arriva anche Satispay, che già era una delle modalità di pagamento accettate, a integrare sulla propria applicazione una sorta di scorciatoia per i bollettini di comuni, asl, regioni e centinaia di altre realtà.

Quanto costa?

Il costo è di un euro, riportato nella schermata di conferma del pagamento. Continueranno invece a non avere alcuna commissione i pagamenti effettuati online su PagoPA con Satispay, cioè percorrendo la strada inversa tramite il sito o l’app dell’ente in questione. Adottato già da migliaia di pubbliche amministrazioni, banche, poste, istituti di credito e privati, PagoPA ad oggi ha registrato oltre 10 milioni di transazioni sulla sua piattaforma, con un tasso di crescita nel 2018 del 219% sul 2017.

Il lavoro col Team digitale

Per noi questo è un risultato particolarmente importante. Siamo nati con l’obiettivo di cambiare le abitudini quotidiane di pagamento delle persone, facilitando loro la vita e generando risparmi soprattutto in termini di tempo – ha spiegato Dario Brignone, cofondatore e Cto di Satispay – un lavoro che abbiamo portato avanti con dedizione e che ci vede costantemente impegnati nello sviluppo di servizi a valore aggiunto, la cui fruizione possa essere tanto semplice da definire nuovi standard. Lo abbiamo fatto con le ricariche telefoniche, che hanno riscosso un grande successo, ma ancora più intensamente, data la portata e importanza del servizio, abbiamo lavorato per offrire la possibilità di pagare direttamente dalla nostra app i bolletini di PagoPA. Condividere con il Team Digitale l’esperienza, contribuendo a compiere un altro passo verso il processo di digitalizzazione del Paese è per noi motivo di grande orgoglio”. Brignone parla del Team per la trasformazione digitale guidato fino al prossimo settembre da Diego Piacentini.

Satispay, disponibile per qualsiasi smartphone e sistema operativo, oggi conta 320mila utenti attivi e 40mila punti vendita, tra fisici e online, che accettano pagamenti tramite l’app.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter