#1notiziain2tweet | Nei prossimi 3 anni faremo girare mille miliardi con lo smartphone

Un esperimento: raccontare la notizia in meno di 300 caratteri. Questa sera parliamo di mobile payments

Apple-Pay-su-iPhone

I pagamenti con smartphone sono destinati a crescere inesorabilmente: nel 2016 gireranno 620 miliardi di dollari, con una crescita del 37,8%.

Secondo TrendForce tra 2 anni il mobile payments raggiungerà 780 miliardi ed entro il 2019 si sfonderanno i mille miliardi.

Questo post è un primo esperimento molto social, e anche molto giornalistico. Proveremo a scegliere quotidianamente una notizia collegata al nostro focus del giorno, e la racconteremo in 2 tweet. 280 caratteri, appunto. L’essenziale, senza opinioni.

Ti potrebbe interessare anche

5 metodi di pagamento che gli italiani non conoscono ancora bene

Per acquistare online gli italiani si affidano nel 94% dei casi a Paypal e carte classiche, ma iniziano a farsi vedere 5 alternative più innovative, a partire dai portafogli digitali.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti