#1notiziain2tweet | Nei prossimi 3 anni faremo girare mille miliardi con lo smartphone

Un esperimento: raccontare la notizia in meno di 300 caratteri. Questa sera parliamo di mobile payments

Apple-Pay-su-iPhone

I pagamenti con smartphone sono destinati a crescere inesorabilmente: nel 2016 gireranno 620 miliardi di dollari, con una crescita del 37,8%.

Secondo TrendForce tra 2 anni il mobile payments raggiungerà 780 miliardi ed entro il 2019 si sfonderanno i mille miliardi.

Questo post è un primo esperimento molto social, e anche molto giornalistico. Proveremo a scegliere quotidianamente una notizia collegata al nostro focus del giorno, e la racconteremo in 2 tweet. 280 caratteri, appunto. L’essenziale, senza opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

5 metodi di pagamento che gli italiani non conoscono ancora bene

Per acquistare online gli italiani si affidano nel 94% dei casi a Paypal e carte classiche, ma iniziano a farsi vedere 5 alternative più innovative, a partire dai portafogli digitali.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup