Redazione

Redazione

Dic 18, 2015

In Cina il mobile payment ha fatto girare 3,6 miliardi in un anno. E infatti arriva Apple Pay

La gara tra Apple e Samsung passa dai pagamenti mobili e arriva in Cina: è pronto al debutto Apple Pay con 15 banche. Samsung insegue, ma ha un asso nella manica: sarà compatibile con tutti i Pos tradizionali

C’è lannuncio ufficiale: è pronto a debuttare in Cina Apple Pay, il sistema per fare acquisti nei negozi pagando con l’iPhone. L’azienda di Cupertino ha annunciato una partnership con Union Pay, leader nel mercato delle carte di credito cinese. Si parte a inizio 2016 e sono della partita le 15 principali banche del dragone.

Ma in Cina c’è già Alibaba

In Cina la società di Tim Cook troverà già molti rivali, Alibaba in testa. L’ingresso di Apple, sottoposto al via libera delle autorità cinesi, sarà dunque in un settore già presidiato, diversamente da quanto era accaduto negli Stati Uniti. L’Apple Pay ha esordito in territorio statunitense un anno fa per poi giungere nel Regno Unito nel luglio scorso e recentemente in Canada e Australia.

Samsung non sta a guardare

E’ pronto al debutto cinese anche Samsung Pay, che a differenza dei sistemi di mobile payment Apple e Google ha il vantaggio di essere compatibile con i normali Pos presenti alle casse dei negozi.

In Cina il mobile payment ha fatto girare 3,6 miliardi in un anno

l mercato cinese dei pagamenti via smartphone ha generato transazioni per 3.600 miliardi di dollari nel 2014. L’80% delle transazioni è in mano ad Alipay, il sistema di pagamenti mobile del colosso dell’e-commerce Alibaba, e tra gli altri player in campo c’è anche Tenpay di Tencent.