Martha’s Cottage è il miglior ecommerce italiano. Cobuzio: «Vogliamo fare ancora di più»

La startup del wedding, nata a Siracusa, ha vinto il Premio Assoluto Netcomm e-Commerce Award 2017. «Siamo l’unica società in grado di diventare leader di questo segmento»

Martha’s Cottage ha vinto il Premio Assoluto Netcomm e-Commerce Award 2017. Un riconoscimento, a 4 anni dalla sua fondazione, che colloca la startup di Siracusa tra i migliori e più innovativi progetti di ecommerce in Italia.  Con questo premio Martha’s Cottage ottiene anche la candidatura all’European e-Commerce Award che avrà luogo a Barcellona il 13 e 14 giugno 2017. Martha’s Cottage si è aggiudicata anche il primo premio nella sezione Servizi. Da segnalare anche che Lanieri, ecommerce di abiti su misura maschili Made in Italy, si è aggiudicato per il secondo anno consecutivo il Netcomm eCommerce Award 2017 nella categoria Abbigliamento e accessori, mentre per la categoria Arredamento e oggettistica premiata LOVEThESIGN, già salita due edizioni fa sul palco del Netcomm Award, vincendo anche al Premio Europeo di Barcellona. Per la categoria Viaggi e Tempo libero premiata Busforfun. E poi ancora JUST EAT Italia Milkman. StartupItalia! ha raggiunto Salvatore Cobuzio, ceo e founder della startup, 38 anni, poco dopo il suo ritorno a Siracusa da Milano.

Martha's Cottage

A sinistra Salvatore Cobuzio, founder e CEO di Martha’s Cottage, durante la premiazione

Leader di un intero settore

«Non me l’aspettavo. Dopo aver ricevuto il premio per la categoria servizi – ha raccontato Salvatore – per me era finita lì, già contentissimo. Quando poi hanno fatto il nostro nome sono rimasto choccato. Per capirsi – ha aggiunto – accanto a noi c’erano dei veri colossi. LOVEThESIGN JUST EAT Italia, solo per citarne alcuni. Vincere davanti a loro è stata una gran bella soddisfazione». A convincere la giuria «è stato anche il fatto che siamo l’unico ecommerce italiano che sta conquistando nicchie di mercato. Stiamo cioè diventando leader di un intero settore».  Cobuzio ci ricorda che «in un mercato degli accessori e prodotti per matrimonio con un giro di affari di oltre 17 miliardi di euro nel mondo, Martha’s Cottage oggi «è l’unica società in grado di diventare leader di questo segmento». E non avendo competitor, spiega Cobuzio «possiamo essere una case history italiana importante».

La trasformazione di un business tradizionale in digitale

«Hanno intercettato la trasformazione di un business tradizionale in digitale  – si legge nella motivazione  – creando un sito di buon gusto, full service e dal carattere “romantico”, di rilevanza e aggregazione per il valore complessivo della categoria». La giuria ha adottato criteri di valutazione basati su: l’innovazione in particolare sulle tecnologie adottate e la creatività, l’usabilità e trasparenza sulle procedure di acquisto, efficacia chiarezza delle informazioni.

25 mila spose, 2 mila al mese

Ma qual è stata l’intuizione giusta del team di Salvatore Cobuzio? «Martha’s Cottage ha colto l’opportunità che si è presentata quando i Millennials hanno iniziato a usare il web per organizzare il proprio matrimonio. Da quando siamo nati – ha spiegato – abbiamo seguito il matrimonio di oltre 25 mila spose e più di 2000 al mese fin dai primi mesi del 2017. Un numero che continua a crescere mese dopo mese».

Il fatturato

«Siamo un caso anomalo» dice Cobuzio a proposito del fatturato di Martha’s Cottage, che secondo i dati che lui stesso fornisce ha chiuso il 2016 con un fatturato di 600mila euro (+50% rispetto al 2015) e chiude l’esercizio in utile (caso raro per le startup, ancora di più per gli e-commerce italiani, sottolinea Cobuzio). La startup ha poi registrato nel primo trimestre del 2017 un aumento del fatturato di oltre il 130% rispetto allo stesso periodo dello scorso esercizio e contando di superare il milione entro settembre 2017.

Baroni all’università: “Questo è mio, questo è tuo, questo è coso”

L’indagine di Firenze dimostra che i feudi sono ancora troppi ma anche che l’Abilitazione scientifica nazionale funziona: costringe i baroni a esporsi più che in passato, mettendoli all’angolo

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia