Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo

Turchia, Italia e Polonia i paesi più convinti a vivere senza contanti (il 40% si è espresso in questo senso). Inglesi, olandesi e australiani sarebbero più riluttanti ad abbandonare monete di carta e non. E’ quanto risulta dall’analisi di ING (più esattamente l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017), citata da Quartz. Secondo i dati dell’analisi della banca olandese (coinvolte 15 mila persone di 15 paesi), più di un terzo dei consumatori in Europa e in America sarebbe pronto al cashless se potesse scegliere. Ma i dati non dicono solo questo.

cashless

Contante sì, ma per i piccoli pagamenti

Secondo la ricerca di ING, il cashless è una realtà già per molti: il 34% degli americani e il 21% degli europei sostengono di pagare di rado e in alcuni casi mai con denaro contante. Tre quarti degli intervistati dicono che utilizzeranno meno banconote e monete nel prossimo anno. Non sorprende che gli intervistati più giovani siano più desiderosi di eliminare i contanti rispetto ai più anziani. Però la maggior parte delle persone continua a servirsi di denaro contante: circa il 60% degli americani e l’80% degli europei hanno dichiarato a ING che avevano utilizzato contanti negli ultimi tre giorni, principalmente per piccoli pagamenti come il cibo, i taxi e il trasporto pubblico. Inoltre, circa tre quarti degli americani e degli europei hanno dichiarato che non potranno mai abbandonare il contante. Anche se non sono stati intervistati, svedesi e i danesi sarebbero pronti a mettere da parte il contante, sostenuti da entrambe le startup e da iniziative ufficiali. Austriaci e tedeschi invece sono nella lista dei cittadini che dicono di che non rinuncerebbero mai al denaro. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un microchip sotto la pelle di 50 dipendenti. L’iniziativa aziendale che rivoluziona la vita in ufficio

La Three Square Market ha deciso di far scegliere ai propri impiegati se avere un microchip delle dimensioni di un chicco di riso impiantato tra il pollice e l’indice. Ma le conseguenze per privacy e salute non sono ancora chiare