A Londra la birra la paghi poggiando lo smartphone sullo spillone

Nei pub di Londra compaiono gli “spilloni” fai da te. Il servizio (sperimentale) si chiama [email protected], infatti si paga avvicinando lo smartphone all’erogatore

A Londra è operativo il progetto Beer Me, la birra che si paga in meno di un minuto tramite app (e mentre la spilli). Il risparmio è davvero notevole: Barclays ha stimato che in media un cliente impiega circa 12 minuti dall’ordine al pagamento fino alla effettiva consumazione. Oggi l’esperimento è la birra, ma domani molti altri beni potranno essere acquistati in modalità “touch & go”.

Come funziona [email protected]

Il funzionamento di [email protected] è molto semplice. Si seleziona l’ordine per una pinta dal touchscreen e si avvicina la propria carta contactless o la propria app alla base dell’erogatore. Dopo di che si può spillare la birra.

Il primo rilascio della versione beta di Beer Me di Pay At Pump è stato testato nello storico Henry’s Cafè di Londra e verrà presto distribuita in diversi bar della city. Un modello che consentirà ai gestori di risparmiare tempo e costi del personale.

Perché spillarsi la birra da soli

Il vantaggio per l’utente è elevato in termini di personal experience: la modalità Self permette infatti di risparmiare lunghe attese in coda per il proprio drink. La birra poi, tra le bevande più richieste nei pub inglesi, potrebbe anche avere un costo minore per chi deciderà di pagare con questa modalità. La decisione commerciale però non sarà imposta dalla banca, ma lasciata ad ogni singolo gestore.

Il mercato dei pagamenti “touch & go”

Un’esperienza così particolare su un caso d’uso specifico come quello dei bar non deve sorprendere. I cosiddetti “touch and go payments” stanno crescendo in tutto il Regno Unito e non solo. Secondo una ricerca di Barclays i pagamenti contactless hanno aumentato il loro valore del 173% nel 2016 e prospettano di crescere ancora di circa il 112% nell’arco di quest’anno.

@manuperinetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito