A Londra la birra la paghi poggiando lo smartphone sullo spillone

Nei pub di Londra compaiono gli “spilloni” fai da te. Il servizio (sperimentale) si chiama Pay@Pump, infatti si paga avvicinando lo smartphone all’erogatore

A Londra è operativo il progetto Beer Me, la birra che si paga in meno di un minuto tramite app (e mentre la spilli). Il risparmio è davvero notevole: Barclays ha stimato che in media un cliente impiega circa 12 minuti dall’ordine al pagamento fino alla effettiva consumazione. Oggi l’esperimento è la birra, ma domani molti altri beni potranno essere acquistati in modalità “touch & go”.

Come funziona Pay@Pump

Il funzionamento di Pay@Pump è molto semplice. Si seleziona l’ordine per una pinta dal touchscreen e si avvicina la propria carta contactless o la propria app alla base dell’erogatore. Dopo di che si può spillare la birra.

Il primo rilascio della versione beta di Beer Me di Pay At Pump è stato testato nello storico Henry’s Cafè di Londra e verrà presto distribuita in diversi bar della city. Un modello che consentirà ai gestori di risparmiare tempo e costi del personale.

Perché spillarsi la birra da soli

Il vantaggio per l’utente è elevato in termini di personal experience: la modalità Self permette infatti di risparmiare lunghe attese in coda per il proprio drink. La birra poi, tra le bevande più richieste nei pub inglesi, potrebbe anche avere un costo minore per chi deciderà di pagare con questa modalità. La decisione commerciale però non sarà imposta dalla banca, ma lasciata ad ogni singolo gestore.

Il mercato dei pagamenti “touch & go”

Un’esperienza così particolare su un caso d’uso specifico come quello dei bar non deve sorprendere. I cosiddetti “touch and go payments” stanno crescendo in tutto il Regno Unito e non solo. Secondo una ricerca di Barclays i pagamenti contactless hanno aumentato il loro valore del 173% nel 2016 e prospettano di crescere ancora di circa il 112% nell’arco di quest’anno.

@manuperinetti

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it