immagine-preview

Giu 14, 2018

Amazon si allea con Poste Italiane: un piano per 10mila nuovi posti di lavoro

L'accordo con il colosso dell'e-commerce fa parte del piano industriale Deliver 2022. Avrà durata di 3 anni, rinnovabili e potrebbe portare all'assunzione di 10mila nuovi dipendenti

Poste Italiane e Amazon: un’alleanza destinata ad avere importanti conseguenze nel mercato delivery. L’annuncio di ieri, intanto, già si appresta a cambiare le abitudini degli utenti sul web. Secondo l’accordo, che avrà una durata di 3 anni e sarà rinnovabile per altri 2 con validità su tutto il territorio nazionale, la consegna dei pacchi Amazon potrà essere effettuata in orario serale fino alle 19.45 e, soprattutto, anche nei weekend. Superando così una barriera che finora si era rivelata off limits per il servizio offerto dal colosso dell’e-commerce.

Ora non sarà più così, grazie anche alla struttura e all’organizzazione che Poste Italiane metterà a disposizione. 30 mila portalettere in tutta Italia, il servizio corriere espresso Sda e gli operatori della MistralAir, compagnia aerea del gruppo Poste Italiane.

La nuova Poste Italiane

Un accordo perfettamente in linea con il nuovo piano industriale Deliver 2022, una strategia che in 5 anni porterà a massimizzare il valore della più grande rete distributiva del Paese.

 

La sinergia con Amazon valorizzerà la flessibilità offerta dal nuovo modello di recapito “Joint Delivery” attivo da aprile ed in corso di implementazione. E nel suo comunicato stampa Poste Italiane annuncia un’influenza positiva sullo sviluppo dell’e-commerce in Italia con ricadute sugli investimenti tecnologici e sull’occupazione che porterà all’assunzione, secondo i piani, di oltre 10 mila dipendenti nella logistica pacchi.

Ma Poste Italiane non si ferma qui. I passi successivi saranno rivolti all’evoluzione dei servizi finanziari e assicurativi e alla convergenza dei servizi di pagamento mobili e digitali.

L’importanza di essere Amazon in Italia

Intanto la tech company di Seattle si aggiudica un importante riconoscimento. Secondo la classifica Ipsos 2018, stilata grazie al parere espresso da oltre 4 mila italiani su 100 marche, Amazon è il brand più influente in Italia. Un traguardo raggiunto mettendo in fila altri giganti come Google, Whatsapp, Paypal e Facebook.

 

Cinque i fattori chiave che hanno determinano quest’influenza sul pubblico e sulla vita quotidiana dei consumatori: engagement (coinvolgimento), leading edge (innovazione, capacità di far tendenza), trustworthy (fiducia, affidabilità), corporate citizenship (impegno e ruolo sociale), presence (presenza).

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter