In stage, precario, ma di lusso. Da Apple a Uber, quanto paga la Silicon Valley

Dai 4 agli 8 mila dollari al mese per uno stage. Sembravano pettegolezzi, voci di corridoio, rumors. Invece ora c’è una lista ufficiale (spiccioli compresi)

Ne avevamo già accennato, nel pezzo sulla lista degli stipendi d’oro in Silicon Valley. Ma era un semplice “foglietto”, con cifre meramente indicative. Adesso degli stage più “generosi” c’è anche una lista ufficiale, pubblicata da Glassdoor, sito che si occupa di analisi e news sul mondo del lavoro.

E’ tutto vero, e questo è un dato che deve far riflettere. Soprattutto chi si occupa di innovazione e startup in Europa. Certo, va detto: a San Francisco il costo della vita è molto più caro di una qualsiasi capitale europea, ed è anche vero che c’è una enorme richiesta di cervelli “usa e getta”. Ma c’è comunque un interrogativo, per noi tutti: sono troppo pagati loro, o è il nostro mercato che paga troppo poco gli anelli più deboli della catena del lavoro? (AVP)

Ci sono stagisti e stagisti

Stageneration

SpaceX (4.596$/mese)

Nell’azienda aerospaziale di Elon Musk con sede a Hawthorne in California, uno stagista guadagna 4.596 dollari al mese: «Lavoro incredibile con persone motivate. Ti senti soddisfatto e sai che stai contribuendo a cambiare il corso della storia» scrive su Glassdoor, un ex stagista della multinazionale che vuole organizzare viaggi spaziali per turisti su Marte.

spacex-4596month

Apple (5.618$/mese)

Anche Tim Cook tiene molto alle tasche dei suoi stagisti: 5.618 dollari al mese per sviluppatori: «Impari ogni aspetto legato al tuo lavoro, con in più opportunità di prendere iniziative e diventare un leader» dichiara un ex stagista.

apple

Intel (6.035$/mese)

Nella multinazionale di hardware con sede a Santa Clara uno stagista guadagna la bellezza di 6.035 dollari al mese: «Anche da stagista puoi lavorare su progetti online e non devi recarti sempre a lavoro. L’ambiente è amichevole e l’orario di lavoro flessibile. L’importante è non disertare i meeting» racconta un ex stagista.

intel-6035month

Amazon (6.217$/mese)

Jeff Bezos non bada a spese quando si tratta di assumere uno sviluppatore alle prime armi: 6.127 dollari al mese, sembrano davvero una cifra con cui “arrivare a fine mese”: «Le persone sono intelligenti e motivate. Puoi imparare molto. Ti inseriscono fin da subito in progetti impegnativi, ti danno fiducia» scrive un ex stagista a proposito di una sua esperienza in Amazon.

amazon-6217month

Microsoft (6.751$/mese)

Nel regno hitech di Satya Nadella uno sviluppatore in erba a fine mese mette in tasca 6.751 dollari: «Microsoft tratta molto bene gli stagisti. Organizza eventi dove ognuno impara a programmare e a gestire un gruppo di lavoro» è l’opinione di un ex stagista.

microsoft-6751month

Facebook (7.109$/mese)

«È un’azienda dalla mentalità aperta. Puoi parlare con tutti dei loro lavori e l’organizzazione in piccoli gruppi ti offre una maggiore indipendenza» scrive un’ex stagista del social di Mark Zuckerberg, che ha portato a casa ben 7.109 dollari al mese.

facebook-7109month

Google (7.185$/mese)

Nella multinazionale fondata da Sergey Brin e Larry Page del Ceo Sundar Pichai uno sviluppatore sorride a fine mese con uno stipendio di 7.185 dollari. E non è l’unico motivo per essere felice: «Colleghi intelligenti, atmosfera professionale, cibo gratis e palestra…» sono gli altri benefit garantiti dall’azienda.

google-7185month

Adobe (7.277$/mese)

Si sta bene anche nell’azienda fondata nel 1982 da  John Warnock e Charles Geschke. Qui uno stagista viene premiato a fine mese con 7.277 dollari: «Ho incontrato alcune delle persone migliori in tutta la mia vita, fatto tante amicizie, avuto grandi capi che mi hanno responsabilizzato e invitato a fare networking» scrive un ex stagista.

adobe-7277month

Uber (7.371$/mese)

Non è da meno il servizio di trasporti privato di Travis Kalanick che offre ai baby ingegneri 7.371 dollari/mese: «Il passo è velocissimo e hai molte responsabilità perché ci sono poche persone in fondo» scrive un ex stagista. Dopotutto, con quello stipendio cosa ti aspettavi? ci verrebbe da dire.

uber-7371month

Palantir (7.641$/mese)

Meno conosciuta delle altre, Palantir sviluppa software per monitorare le reti terroristiche, scovare ladri e truffatori. La startup ha raccolto 2 miliardi di dollari ed è valutata 20. Dietro, come investitore e cofondatore, Peter Thiel (PayPal) che offre 7.461 dollari ai suoi stagisti. E pare che si stia anche molto bene: «Grandi benefici, ambiente amichevole, cibo meraviglioso, ti affidano progetti fantastici e ti aiutano a inserirti» dichiara un ex stagista.

palantir-7641month

Pinterest (7.675$/mese)

Se sei un ingegnere e vuoi guadagnare tanto pare proprio che Pinterest sia il posto per te. Il social creato da Evan Sharp, Ben Silbermann e Paul Sciarra offre 7.675 dollari al mese in un contesto “pieno di persone divertenti, appassionate, motivate e ben organizzate”.

pinterest-7675month

VMware (7.811$/mese)

La società di software specializzata nella realizzazione di macchine virtuali è  l’azienda che paga di più i suoi stagisti (7.811 dollari al mese): «Lavori a stretto contatto con i manager, partecipi agli eventi più importanti dell’azienda e puoi dire la tua. Ti senti speciale» scrive un ex stagista.

vmware-7811month

 

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)