INFOGRAFICA: Shopping, ecco le 10 chiavi emotive che ci fregano sempre

Le emozioni influenzano (e come!) il nostro cervello ogni volta che facciamo shopping, soprattutto online. Date un’occhiata a questa infografica

Le emozioni influenzano la nostra propensione a spendere? La risposta è una: sì. Tantissimo. Cox Blue ha realizzato questa infografica, incrociando articoli e i dati di alcune ricerche. Ne viene fuori che spesso molte nostre scelte sono dettate più dalle emozioni che dal cervello. Sotto l’infografica la spiegazione in italiano.

Infographic-Emotional-Triggers

Quando dobbiamo decidere cosa comprare, ascoltiamo di più il cervello o il cuore? Diamo un’occhiata a queste statistiche:

1. il 31% dice di guadagnare dalle campagne emotive;

2. il 16% guadagna dalle campagne che colpiscono il lato razionale delle persone;

3. il 26% ricava lo stesso con una combinazione tra emozioni e ragione.

Online conta più la consegna gratuita che la modalità di pagamento

Per l’eCommerce ci sono dei messaggi nascosti più allettanti di altri, che che conoscono molto bene gli esperti di marketing. Secondo loro, il 77% di chi acquista preferisce la consegna gratuita, e il 56% la possibilità di reso gratuito. Tant’é che molte aziende di eCommerce (Zalando, ad esempio) hanno fatto del reso gratuito la propria cifra distintiva.

Paradosso dei paradossi, interessa a pochi acquirenti la possibilità di scegliere tra diverse modalità di pagamento è in fondo alla classifica, col 17%.

Le 10 chiavi emozionali per far comprare di più

Secondo gli autori dell’infografica, il segreto sta in alcune “chiavi emozionali” atte a scatenare una reazione spesso istintiva. Eccole:

1. Paura – Il messaggio tipo è “Non lasciarti nulla alle spalle”

2. Colpa – Tendono a mettere il cuore al centro di tutto, ad esempio “Il tuo contributo può fare la differenza per questi bambini: cenare o andare a letto affamati”

3. Fiducia – Chi ti sta vendendo un determinato prodotto vuole subito dirti chiaramente che lì non c’è “Nessun trucco o costo nascosto”

4. Valore – “Non troverrai un affare migliore da nessun’altra parte”

5. Appartenenza – Specie nei clun, la frase tipo è “Tutti ne parlano: entra anche tu “

6. Competizione – “Farai l’invidia dei tuoi vicini”

7. Gratificazione immediata – “Per noi esisti solo tu”

8. Leadership – “Solo gli uomini migliori lo usano”

9. Tendenza – “Puoi essere come la tua celebrità preferita”

10. Tempo – “Pulisci la tua casa nella metà del tempo”

Oltre a queste chiavi, ci sarebbero, poi, alcune parole che sarebbero sempre più efficaci di altre, soprattutto per gli anglofoni. 10 parole, in tutto, quelle più potenti di sempre: “tu“, “risultati“, “salute“, “garanzia“, “scopri“, “amore“, “provata“, “sicurezza“, “risparmia” e “nuovo“.

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli