7 trend sui pagamenti da tenere d’occhio nel 2016. Infografica

Ingenico Group predice cosa succede quest’anno, dai pagamenti con carte, agli smartphone, a Nfc.

Queste previsioni riguardano i trend che sono cominciati a emergere nell’area del commercio elettronico via smartphone e che potrebbero determinare un lungo percorso di cambiamento nella cultura dei consumatori, sempre più abituati ad usare i loro device per fare acquisti più o meno quotidiani.

I 7 trend del 2016 secondo Ingenico

1. I commercianti esploreranno sempre più servizi dal valore aggiunto;

2. I Pos per i pagamenti mobili diventeranno molto più diffusi;

3. Il servizio NFC/contactless crescerà sempre di più;

4. La strategia multi-canale diventerà una realtà;

5. Aumenterà l’adozione di sistemi semi-integrati;

6. La sicurezza dei pagamenti continuerà ad essere un focus importante;

7. Più negozianti adotteranno soluzioni di pagamento non sorvergliate (v. distributori automatici).

2016-Payment-Predictions

Ti potrebbe interessare anche

Bancomat, Nfc e sicurezza: il numero 1 dei Pos predice cosa cambia nei prossimi mesi

Ingenico fa 7 previsioni. Nel 2016 aumenterà la diffusione degli strumenti di pagamento mobili (non solo Pos) e ci saranno molti investimenti in sicurezza

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli