immagine-preview

Ago 27, 2018

Amazon, come funzionano le liste dei desideri collaborative

Adesso puoi invitare altri utenti della piattaforma ad aggiungere o rimuovere prodotti oltre che a discutere sulla wishlist. Come funziona

Mancavano. E se ne sentiva, appunto, l’assenza. Adesso sembra che Amazon stia lanciando le liste dei desideri collaborative e aperte a chiunque. Nel senso che le liste potranno essere compilate da più persone oppure da una e modificate dagli altri. Tutto quello che serve a te e ai tuoi amici per il prossimo viaggio? L’occorrente per una festa? La spesa per il cane? Di qualsiasi gruppo di oggetti si tratti, adesso possono partecipare altri utenti della piattaforma di Jeff Bezos.

Come funziona

A quanto pare, Amazon aveva già annunciato che la funzionalità era in fase di (pur lenta) distribuzione. Tuttavia al momento non rimane chiaro quando tutti i clienti ne potranno disporre. Finora, senza questa possibilità di condivisione delle wishlist, agli utenti era necessario condividere le liste con le persone per rendere loro possibile conoscere ciò che desiderano (con l’eccezione per le liste di nozze). Senza che queste potessero intervenire in alcun modo.

Adesso, al contrario, i collaboratori possono aggiungere o rimuovere prodotti, commentare la selezione, fare suggerimenti o, ovviamente, passare all’azione e acquistarli. Le liste, questo l’elemento curioso, possono di fatto diventare vere aree di discussione con tanto di notifiche sugli aggiornamenti e visualizzazione della storia delle modifiche, delle aggiunte o delle rimozioni. Secondo il “negozio del mondo” questa possibilità aiuterà le persone a inserire regali simili o uguali in più liste, magari in occasione di ricorrenze, compleanni o celebrazioni, e a ricevere doppi regali.

A chi serve

Una volta creata una lista – la si trova sempre nel menu, La tua lista dei desideri – basta invitare altri utenti, a patto che dispongano di un account Amazon, a collaborare per aggiungere o rimuovere articoli. Molto utile anche nel caso delle famiglie in cui, magari, un solo componente disponga dell’account Prime – e dunque sia quello che solitamente effettua gli ordini – ma ovviamente esaudendo i desideri di tutti.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter