Torna la Lira italiana, ma sarà virtuale. Una criptomoneta nostalgica

Non è la proposta dell'ennesimo gruppo politico che chiede di uscire dall'Area Euro ma una valuta virtuale che spolvera il nostro vecchio conio

Torna la Lira. Per alcuni sarebbe un bene, per altri l’inizio della fine. Ma la Lira non torna, mettetevi il cuore in pace. Tornerà, al più, digitalmente, sotto forma di – ennesima – criptomoneta. Una Lira 2.0, insomma che, si spera, sia afflitta da una minor svalutazione di quella che colpì la controparte originale.

 

 

Un progetto apolide

Nonostante il nome, ITL (Italian Lira) non ha nulla a che vedere con il nostro Stato e con la nostra Zecca. ITL è stato sviluppato da un team di giovani che vivono in 5 continenti e collegati da un singolo progetto: creare un sistema di pagamento indipendente dai governi. Secondo questi giovani, la nuova Lira è “un’invenzione rivoluzionaria”, così almeno la definiscono sul loro sito. Il sospetto, invece, è che sia l’ennesima criptomoneta in cerca di facile pubblicità inciampata però in un nome né così diffuso né così amato.

 

 

“Con Lira Italiana – si legge sul sito di ITL – è possibile effettuare transazioni di denaro in ogni parte del mondo. Il token permette all’utente, oltre a svariate altre funzionalità, di avere il controllo totale delle proprie informazioni finanziarie, il tutto in completa sicurezza”. Insomma, salvo sorprese dell’ultima ora sembrerebbe essere proprio una criptomoneta come tutte le altre già a disposizione.

 

Il futuro della Lira

Chi farà incetta di ITL non avrà nemmeno il piacere (?) di riavere tra le mani i volti iconografici della Montessori, di Marconi, di Bellini, di Volta e di altre figure che hanno “dato lustro alla patria” perché la moneta sarà appunto unicamente virtuale. Basata su Blockchain di Ethereum potrà essere comprata su Stocks Exchange, Token Store, ForkDelta e EtherDelta. Entro il 2019,  dovrebbe arrivare la vendita dei token (fino a un massimo di 100 miliardi di unità, entro il 2032), mentre nel 2022 sono previsti lo sviluppo e la distribuzione di sistemi di pagamento wireless (Pos) per dispositivi mobili.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter