immagine-preview

Feb 13, 2018

Fintech, 5 trend per il 2018 in un’infografica

Dal "calo demografico" di startup della tecnologia finanziaria, allo sviluppo di nuovi mercati come Medio Oriente e Nord Africa. Secondo Money.it il 2018 sarà l'anno della blockchain e dell'Intelligenza Artificiale

A che punto siamo con la rivoluzione Fintech? Difficile dirlo. La tecnologia finanziaria è forse il settore che per il futuro offre le più importanti possibilità di sviluppo, eppure negli ultimi anni la sua crescita è parsa frenata. Ecco perché le opinioni sull’argomento sono spesso contrastanti e per i dati non esiste una chiave univoca di lettura.

La rivoluzione in movimento?

I dati, ad esempio, ci dicono che il numero di Fintech startup fondate annualmente è drasticamente calato rispetto al passato (report Accenture ottobre 2017). Se nel 2015, anno d’oro per le imprese innovative del settore, ne vennero fondate 1512 tra States, UK, Germania e Francia, 24 mesi dopo il numero è sceso a solo 134 con una riduzione della crescita di oltre il 90%.

 

È il segnale di una crisi in atto? Assolutamente no, al massimo va letto come un cambiamento nei rapporti tra startup e loro competitor, ossia le banche. Gli istituti di credito, infatti, non vedono più le imprese innovative come potenziali intrusi in un business troppo grande per loro. Si sono trasformate in opportunità per migliorare e ampliare la gamma di servizi a disposizione del cliente. La rivoluzione del Fintech non si è fermata, è stata cooptata. E i progetti più interessanti vengono acquisiti eportate in-house prim’ancora che possa assumere la forma di una startup.

Il Fintech “mediorientale”

Un contributo decisivo all’evolversi della situazione lo dà poi l’aprirsi di nuovi mercati. Medio Oriente e Nord Africa, soprattutto, per i quali il settore della tecnologia finanziaria potrebbe presto ricoprire un ruolo paragonabile a quello del petrolio.

Saudi Vision 2030 ha lo scopo di diversificare l’economia dando potere alle PMI

Secondo il report di State of Fintech, infatti, negli ultimi dieci anni le startup Fintech della regione hanno raccolto oltre 100M di dollari di finanziamenti. Mentre il numero di startup del settore è cresciuto da 46 nel 2013 a 105 nel 2015. E secondo le previsioni, in futuro raddoppierà fino a 250.

 

Realtà di cui sono ben consapevoli i professionisti attivi nella finanza 2.0. “Il Fintech emergerà come uno dei settori più forti dell’economia. In tal senso, Saudi Vision 2030 (il piano di sviluppo approvato dalla famiglia regnante saudita), che ha lo scopo di ridurre la dipendenza dal petrolio e di diversificare l’economia dando potere alle piccole e medie imprese, ha aperto più opportunità”, ha spiegato Abdulaziz Fahad Al Jouf, CEO di PayTabs, una startup saudita di sistemi di pagamento.

Leggi anche: I big italiani del Fintech, secondo LTP

5 trend per il 2018

Dove sta andando il Fintech? È la domanda che si è posta Money.it trovando come risposta 5 linee guida che da quest’anno incideranno sempre maggiormente nello sviluppo della tecnologia finanziaria.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter