Quale città visitare una volta nella vita? Risponde Citybility, la piattaforma per finanziare progetti no profit | VIDEO

Dalla capitale delle startup Tel Aviv, al bestseller di Jonas Jonasson. Per Martino Cortese “le idee migliori vengono parlando e ascoltando le altre persone”

Quale libro consigliereste per trarre la giusta ispirazione? C’è un film o una serie tv che racconta il mondo delle startup? Quale città consiglieresti di visitare per fare una full immersion di idee innovative e progetti futurstici? Sono queste alcune delle domande che abbiamo posto a chi lavora in alcune delle imprese innovative di Polihub. A risponderci è Citybility.

La piattaforma multicanale di raccolta fondi per finanziare progetti no profit da Monza mira ora ad allargarsi su Milano. Anche se il vero obiettivo si trova più a nord guardando la cartina geografica: il dito punta su Olanda e Gran Bretagna. “Al momento nel settore delle donazioni non c’è ancora un vero key player”, spiega Martino Cortese che all’interno della startup si occupa di sviluppo del business, “e allora è giusto sognare in grande”.

 

Citybility, dalla raccolta fondi al marketing sociale

Nata originariamente da un progetto del Politecnico (ai tempi si chiamava Grouoff), la startup ha mosso i primi passi come strumento di promozione delle piccole realtà del commercio locale: per ogni spesa di una certa entità il negozio fa una donazione ad un determinato progetto. “Il sistema influisce sulla visibilità e sulla reputazione, e contemporaneamente fidelizza i clienti legando i loro acquisti alla realizzazione di qualcosa che sia locale e tangibile”, racconta Cortese. “È una forma di marketing sociale“.

La possibilità di fare donazioni è stata poi allargata anche agli acquirenti attraverso un apposito QR code di riferimento. E ora un prossimo aumento di capitale (circa 150 mila euro) darà sufficiente ossigeno e autonomia per gli sviluppi futuri.

Ma ci sono risultati ancora più grandi a portata di mano. “Se riuscissimo a convincere le grandi aziende a spostare in questa direzione una parte del budget annuale per marketing e pubblicità, riusciremmo ad entrare in un mercato enorme e ancora poco penetrato”.

LVenture cerca startup di intelligenza artificiale per l’AI WorkLab. La call

Call aperta fino al 30 novembre per il programma che offrirà ai team selezionati la possibilità di trasformare la propria idea imprenditoriale in una startup con il supporto degli esperti di LUISS Enlabs

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia