Mastercard cerca startup fintech da accelerare (e, magari, finanziare)

Una call per startup fintech early stage che abbiano già ricevuto investimenti, ci sono due settimane per partecipare

Mastercard ha accolto cinque nuove startup nel suo programma Start Path Global, dedicato alle startup fintech early stage attive che abbiano già raccolto investimenti. La multinazionale dei pagamenti non entra nel capitale delle startup accelerate ma può scegliere di partecipare ai futuri round.

«Le startup fintech in tutto il mondo stanno delineando il futuro digitale», ha dichiarato Amy Neale, Vice President di Mastercard Start Path. «Stanno promuovendo un approccio differente per offrire una scelta più ampia ai clienti e esperienze migliorate nell’industria. Il nostro lavoro con queste startup consente di collegare nuove tecnologie con network e processi finanziari affidabili e sicuri, per creare una esperienza di aquisto ancora più soddisfacente e completa».

Cosa prevede la call di Mastercard

  • Un programma di accelerazione virtuale di 6 mesi;
  • Non c’è bisogno di spostarsi dalla propria sede;
  • Nessun ingresso nell’equity della startup (ma la possibilità di partecipare al prossimo round di investimento);
  • Disponibilità immediata di un team di oltre 60 esperti MasterCard;
  • Networking con i potenziali clienti, ovvero brand globali che nel campo banking, vendita, tecnologia e telecomunicazioni.

Due settimane per aderire alla call

Sono aperte le iscrizioni per candidarsi ad entrare a far parte della nuova classe per l’edizione estiva del programma. Le candidature dovranno pervenire entro la mattina di lunedì 24 aprile 2017 alle ore 6.59. Le startup interessate al programma possono consultare il link www.startpath.com per raccogliere informazioni ulteriori e per sottoporre la propria candidatura.

I numeri d Start Path

Dal 2014, il team di Start Path ha riscontrato l’interesse di oltre 5 mila startup, portando alla collaborazione con 100 aziende in 24 paesi. Nelle prime quattro classi, il 20% dei partecipanti ha preso parte a progetti commerciali o pilota con Mastercard.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Vi spiego perché tra 30 anni i contanti moriranno”

La previsione è del numero 1 di MasterCard in Uk, secondo il quale nel giro di 3 decenni (e forse anche meno) pagare in contanti sarà come provare a girare con una carrozza trainata da cavalli

Anche MasterCard cede al fascino dei Bitcoin e investe in Digital Currency Group

La criptovaluta conquista anche i circuiti di pagamento con MasterCard che ha deciso di investire in un nuovo incubatore bitcoin: Digital Currency Group (DCG)

Da oggi pagare con carta e bancomat costerà meno. Il nuovo tetto sulle commissioni, spiegato.

Entrerà in vigore il 9 dicembre il regolamento europeo che impone un tetto massimo alle commissioni interbancarie sui pagamenti. Ecco cosa cambia

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito