In Francia ha raccolto 100 milioni: Collettiamo, startup dei fondi-cassa online, sbarca in Italia

Oltralpe si chiama Le Pot Commum, da noi sarà Collettiamo: il sito per la raccolta dei soldi arriva anche in Italia. Serena De Luca, 32 anni, è la country manager

Dalla Francia sbarca in Italia la piattaforma per fare collette online in modo sicuro. Le Pot Commun, la startup di tre cugini marsigliesi che ha raccolto 100 milioni in collette, prende il nome di Collettiamo nella sua versione italiana. La guida Serena De Luca: studi alla Sapienza e una lunga esperienza a Parigi nel marketing online.

Collettiamo

Denaro per ogni occasione

Nasce nel 2011, il sito che ti consente di raccogliere denaro per ogni occasione: il regalo per un compleanno, una lista nozze, la condivisione delle spese di viaggio tra amici. L’utente crea la campagna e può decidere a chi renderla accessibile, se a un gruppo ristretto, oppure pubblica.  La piattaforma di Adrien Soucachet, Ghislain Foucque e Thibault Saint-Georges guadagna con una commissione del 2,9% su ogni raccolta.

Buoni numeri, poi se la compra una banca

Oggi sono 3 milioni gli iscritti con 250 mila collette, 100 milioni di euro raccolti, 460 euro la media di ogni campagna. Numeri che hanno attirato l’attenzione del gruppo BPCE (Banque Populaire – Caisse d’Epargne) che ad ottobre dello scorso anno ha acquisito l’85% del capitale della startup attraverso la filiale S-Money, la piattaforma di pagamento elettronico.  Il gruppo bancario punta alla piena acquisizione che sarà realizzata in tre anni: «Il primo trimestre 2016 ha visto il nostro business crescere del +80% rispetto al 2015. Esportare il nostro modello di business e investire in altri mercati, primo tra tutti l’Italia, che consideriamo un mercato dalle grandi potenzialità, è una conseguenza logica del nostro successo e il passo successivo della nostra strategia di sviluppo» spiega Ghislain Foucque, uno dei founder.

Collettiamo fondatori Thibault Saint-Georges - Ghislain Foucque -  Adrien Soucachet

Adrien Soucachet, Ghislain Foucque e Thibault Saint-Georges, fondatori della startup

Serena De Luca, la country manager italiana

Serena De Luca, oggi 32enne, si reca in Francia a 24 anni per il progetto Leonardo e ci resta per iniziare una brillante carriera. Prima in Pixmania, multinazionale francese specializzata nella vendita di prodotti di tecnologia online: scala posizioni fino a diventare country manager sul mercato italiano. Dopo una parentesi a Vie Interactive, piattaforma che vende app rivolte ai business, si candida per un’offerta di Le Pot Commun che cerca una figura per espandersi sul mercato italiano: «Ho inviato una email e uno dei cofondatori mi ha contattato ed è andata bene. L’obiettivo in Italia è di espanderci un po’ come ha fatto la startup in Francia, che è riuscita senza investimenti ad arrivare quasi a 3 milioni di utenti, puntando su social e passaparola – spiega De Luca a StartupItalia! – Rispetto ai competitor, puntiamo su un prezzo più basso e sulla funzionalità del sito. Il 90% delle persone che partecipano a una colletta, ne creano poi una a loro volta».

Serena De Luca

Serena De Luca

In Italia c’è Growish

Collettiamo dovrà vedersela in Italia con Growish, piattaforma per la raccolta di denaro e l’invio di somme ad altri conti correnti. Il fondatore e Ceo Claudio Cubito, Il sito si appoggia a una piattaforma proprietaria collegata a un istituto di pagamento europeo, Mango Pay, che emette moneta elettronica. Chi sceglie il portale per organizzare gli acquisti di gruppo non deve quindi passare per Paypal o simili. Incubata in Digital Magics, sulle sue piattaforme, Growish.com e ListaNozzeOnline.com dedicata agli sposi, ha raccolto in soli 6 mesi oltre 1 milione di euro da più di 10.000 utenti e ha stretto partnership con Lastminute.com, il sito di viaggi che è parte del network di Fabio Cannavale.

Approfondisci

2 Commenti a “In Francia ha raccolto 100 milioni: Collettiamo, startup dei fondi-cassa online, sbarca in Italia”

  1. Iacopo Balocco

    Mi permetto di segnalare che la scuola in oggetto presenta una forte matrice religiosa dell’esperienza educativa. Infatti la religione è materia obbligatoria e bisogna partecipare alla messa. Come ha commentato Tullio De Mauro il prete di Barbiana era due passi avanti.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era