Guadagna il triplo, assume continuamente e cresce in Borsa. Tutti i numeri di Facebook

Facebook ha diffuso i dati trimestrali e i risultati del social vanno davvero oltre le aspettative degli analisti. Nel futuro un nuovo tipo di azioni e i video

Per un Tim Cook che piange, c’è un Mark Zuckerberg che ride. E anche tanto. I risultati degli ultimi tre mesi dell’azienda superano le aspettative degli analisti con il titolo che sale del 9%.

mark zuckerberg

Facebook cresce del 50% l’anno

Gli utili per azione del titolo ($0.77) superano le attese di  $0.62. Ma non è l’unico campo in cui Zuck stupisce tutti. Anche la voce ricavi dei primi tre mesi del 2016 fa sorridere lui e gli azionisti:  $5.38 miliardi, rispetto a una previsione di $5.25 miliardi. Il che si traduce in una crescita del 52% all’anno. Mentre i guadagni della pubblicità incrementano del 57%.

L’utile netto è salito a 1,51 miliardi di dollari, a fronte dei 512 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. Il triplo.

E per chi pensa che Facebook stia perdendo utenti, un dato su tutti per cambiare subito idea: 1,65 miliardi di utenti attivi al mese.

Leggi anche: Ecco dove Zuckerberg e altri 6 capi della Silicon Valley mettono i loro soldi

Mobile first, in tutti i sensi

Secondo Business Insider i dati mostrano come il business sul mobile di Facebook sia alla base del successo del social, con l’82% dei guadagni pubblicitari che nascono proprio dal mobile nei primi tre mesi del 2016, lo scorso anno le cifre erano più basse, intorno al 73%.  E non è un caso, visto che 894 milioni di persone al mese usano Facebook da mobile, su 1,51 miliardi di utenti attivi mensili.

Meno bene i giochi

Oltre alle pubblicità, Facebook fa soldi anche dal payment e altre fee: 181 milioni, il 20% in meno dello scorso anno soprattutto legato al calo dei guadagni dalle app del settore gaming.

facebook-headquarters

Facebook: una macchina che costa 3 miliardi

Ecco tutti gli altri numeri del social network di Zuckerberg:

– Costi e spese totali ammontano a 3,37 miliardi di dollari;

13.600 sono i dipendenti, + 35% rispetto all’anno precedente;

– La maggior parte dei guadagni viene dal Nord America e dall’Europa. Mentre solo il 24% da Paesi asiatici e dal resto del mondo.

Cosa c’è nel futuro di Facebook

L’azienda sta valutando una proposta per lanciare nuove azioni di Classe C, che avranno le stessi diritti economici di quelle di classe A e B, senza tuttavia offrire la possibilità di avere potere di voto, come svela Business Insider. La proposta verrà sottoposta agli azionisti a giugno e Zuckerberg da solo potrà decidere pro o contro la misura, in virtù del volume di azioni che possiede come spiega Fortune.

E la prossima grande sfida si chiama “video”: la Coo dell’azienda, Sheryl Sandberg, ha recentemente annunciato che gli utenti stanno creando e condividendo video tre volte in più anno per anno. Monetizzare sui video e offrire nuovi meccanismi per far guadagnare gli utenti sono i primi obiettivi su cui si muoverà il social nei prossimi anni.

Ti potrebbe interessare anche

Ecco dove Zuckerberg e altri 6 capi della Silicon Valley mettono i loro soldi

Sono tra i re della digital economy, hanno tutti miliardi e miliardi di dollari. Vi siete mai chiesti come spendono i loro soldi? Anche noi, ecco la risposta.

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti