A volte ritornano: la sopravvivenza di Yahoo passa da Microsoft

Microsoft metterebbe sul piatto 10 miliardi per acquisire motore di ricerca e core business di Yahoo

Yahoo! in vendita: 10 miliardi di dollari per comprare il core business della multinazionale, mentre Microsoft si sta attivando per trovare compratori interessati nell’affare. Questa è l’indiscrezione del sito di news hitech, Re/code.

Marissa Meyer, Ceo di Yahoo (a sinistra). Satya Nadella, Ceo di Microsoft (a destra)

Marissa Meyer, Ceo di Yahoo (a sinistra). Satya Nadella, Ceo di Microsoft (a destra)

Nel futuro di Yahoo! ritorna Microsoft

Secondo il sito, Microsoft, che già in passato è stata a un soffio dall’acquisizione, starebbe incontrando diversi società di private equity che potrebbero puntare le loro mire sul core business della multinazionale guidata da Marissa Mayer, che già da un bel po’ naviga in cattivissime acque, con la valutazione del titolo in un anno colato a picco nell’indice Nasdaq a -35. L’affare, valutato intorno ai 10 miliardi di dollari (l’indiscrezione è di Business Insider), darebbe all’acquirente tutto il core business dell’azienda (e cioè il motore di ricerca e, pare, la mail). L’azienda fondata da Bill Gates continuerebbe comunque ad essere partner di Yahoo, anche se alla non dovesse essere della partita e il colosso finisse nelle mani di altri acquirenti.

Alla fine del terzo trimestre del 2015 cassa e liquidità di Yahoo! ammontavano a poco meno di 6 miliardi. Molti in meno rispetto ai 10 miliardi che starebbe chiedendo per l’acquisizione Peggy Johnson, la responsabile degli acquisti Microsoft.

Leggi anche: Bill Gates, in una timeline la vita dell’uomo più ricco del mondo

Gli investitori vogliono le teste di tutti i manager

La notizia della vendita giunge in un momento molto delicato per la multinazionale. I cattivi risultati dello scorso anno hanno deluso diversi investitori che chiedono la testa, non solo della Mayer su cui pesano i principali capi di imputazione, ma di tutto il resto del consiglio di amministrazione. A far soffiare il vento della rivoluzione, Starboard Value, il fondo che ha investito su Yahoo 570 milioni di dollari (per l’1,7% di equity).

In una lettera che non lascia nulla all’immaginazione, gli investitori chiedono la sostituzione dell’interno consiglio: «Siamo delusi dei risultati finanziari non all’altezza dell’azienda, del fallimento dei piani, dei compensi altissimi dei manager, delle discutibili pratiche di assunzione, della generale mancanza di responsabilità e degli errori di questo Consiglio. Crediamo che sia deficitario delle qualità di leadership e di prospettiva che servono per tutelare gli interessi degli azionisti» si legge sullo scritto. L’idea è di rimpiazzarli con 9 persone da nominare, una lista di manager proveniente da banche come Tor R. Braham (Deutsche Bank), media, Bridget L. Baker (di NCBUniversal) e mondo tech come Richard S. Hill (Arrow Eletronics, Cabot Microelectronics, and Autodesk.)

Intanto a Yahoo! arrivano 2 innesti

Secondo gli analisti il consiglio di amministrazione è pronto a votare per rivoluzionare tutto. Rientra in questa logica le recenti elezioni che hanno portato 2 nuovi membri sulla nave, un ex investitore bancario, Catherine Friedman, e l’ex CFO di Broadcom, azienda statunitense che opera nel settore dei semiconduttori, Eric Brandt. Una manovra che sarebbe stata effettuata, secondo i rumors raccolti da Business Insider, senza consultare Startboard. Che se la sarebbe legata al dito.

In piena tempesta Marissa sembra voler continuare per la sua strada per completare il piano strategico di crescita in 3 anni che ha studiato insieme al consiglio  e che vede Yahoo rafforzarsi investendo sul fronte dei video e del mobile.

Potrebbe interessarti

Così Yahoo! rischia di sparire

yahoo_copertina

E’ andato online 21 anni fa, nel 1994, e inizialmente era solo un algoritmo sviluppato da 2 studenti universitari di Stanford. Tra bravura e fortuna Yahoo ha scalato molto velocemente: primo motore di ricerca del mondo e papà dell’ecosistema web con i suoi servizi di posta elettronica, chat e news per quasi un decennio. Adesso il colosso di Internet sta vivendo una stagione difficilssima. Di più: potrebbe addirittura scomparire. Continua a leggere…»

Ti potrebbe interessare anche

Così Yahoo! rischia di sparire

Da pionieri della digital economy al si salvi chi può, cronaca della crisi di Yahoo. Sul tavolo del cda la testa della Ceo Marissa Mayer e la cessione di Mail, news e delle quote in Alibaba

Bill Gates, in una timeline la vita dell’uomo più ricco del mondo

Questa infografica (realizzata da Funders & Founders) riassume la vita di un giovane studente di Harvard che poi è diventato “Bill Gates”. Sotto l’infografica le tappe più importanti, in italiano.

Bill Gates e altri 99 paperoni hanno bruciato 70 miliardi in un anno (ma hanno la metà della ricchezza mondiale)

Forbes ha pubblicato la lista dei 100 uomini più ricchi del mondo. Vince Gates, ma perdono tutti (tranne Zuckerberg). Di questi, 62 hanno la ricchezza di 3,6 miliardi di persone (la metà della popolazione mondiale)

Star Wars? E’ un bancomat che vale 10 miliardi. Analisi

Vi spieghiamo perché Star Wars non è solo un film ma una gigantesca macchina da soldi. Disney ha capito tutto, e ci costruirà intorno un ecosistema infallibile

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it