Messenger è pronto per separarsi definitivamente da Facebook?

Nella guerra delle app, Zuckerberg piazza 3 delle sue (Facebook, Messenger e Instagram) nella top 10 Usa. E forse i tempi sono maturi per dare vita propria a Messenger, che Zuckerberg ha affidato a un ex PayPal

Continua senza esclusione di colpi la guerra delle app, in un campo di battaglia che vede i colossi della digital economy contendersi la top 5 e il cuore degli utenti. Vince Mark Zuckerberg, che sta surclassando Google, secondo uno studio realizzato sui consumatori americani. Come ci è riuscito? Con un’intuizione. E col soccorso del fintech.

facebook-f8-messenger-zuckerberg

La guerra del mobile

Ormai è chiaro a tutti: il mobile sta soppiantando il computer. A confermarlo il boom degli smartphone in Cina e India. E in tutta l’Asia dove il 43% delle pagine viste su Internet sono da mobile. E pensare che nel 2010 erano meno del 4,5% (ricerca di StatCounter). Se questa è la situazione sui mercati emergenti, poco cambia in quelli sviluppati. Basta un dato su tutti per capirlo: 1 milione di app, tra giochi, news, social, che invadono i due principali store (Apple IOS e Alphabet Android). Così tante proprio perché sono la porta di accesso privilegiato alla Rete da mobile.

Un milione sono un numero spropositato se si pensa alle app che vengono fattivamente usate. Negli Usa, per esempio, gli utenti si servono di 27 applicazioni in media al mese. In più c’è da osservare che l’84% del loro tempo lo trascorrono su solo 5 di queste (dati Forrester Research e Nielsen). Perché questo succede? Una buona spiegazione potrebbe essere che mentre il numero di app è cresciuto, è rimasta pressoché immutato lo spazio di archiviazione sui mobile. Insomma, tanta gente e pochi posti a sedere. Da qui la guerra di cui parlavamo all’inizio e la necessità per i grandi player di entrare nella top 5. O ci sei o resti un fantasma.

L’impero di Zuckerberg

Al primo e secondo posto delle app più scaricate negli Usa ci sono le 2 di Zuck, Facebook e Facebook Messenger, che occupano rispettivamente il 78,4% e il 64,1% del tempo che gli utenti trascorrono su app. E nella top ten c’è anche una terza app della galassia Zuckerberg: è Instagram, che continua l’ascesa inarrestabile degli ultimi anni (39%). Più sorprendente di questo dato è la loro crescita in nell’ultimo anno: + 16,7% di Messenger, + 8,7 di Facebook, + 5,3% di Instagram.

A confronto le app native di Android (Google Play e Google Search, per esempio) sono cresciute “solo” del 2,5%. C’è da dire che su Google pesa fortemente la concorrenza di Apple e delle sue app native che funzionano altrettanto bene e riducono la necessità degli utenti iPhone di ricorrere a strumenti esterni.

messenger

C’entra il fintech? Forse

La prima mossa vincente di Zuck è stata quella di separare Messenger da Facebook. Gli utenti devono scaricarle entrambe e questo ha giovato soprattutto alla crescita della prima. La seconda intuizione riguarda il payment. Per rendere l’app più accattivante il Ceo di Facebook si è rivolto al fintech. Già da alcuni mesi negli Stati Uniti si può inviare denaro tramite Messenger: mandi soldi a un amico in modo semplice, selezioni l’icona del dollaro, digiti la cifra, scegli la carta e i giochi sono fatti (ne abbiamo parlato qui).

Si è parlato in questi giorni di un progetto più o meno segreto di Facebook, ovvero portare sul Messenger le news, attraverso un bot. Ma la vera ambizione di Facebook è abbinare alla messaggistica l’ecommerce. «Immaginati un’applicazione che ti ricordi che è il compleanno di tua moglie, ti chieda se le vuoi comprare dei fiori, li acquisti per te e poi glieli mandi….», aveva detto David Marcus, l’ex Paypal che Mark Zuckerberg lo scorso anno ha messo a capo della del team della divisione messaggistica. Presto i tempi saranno maturi per iniziare a tirare le somme.

 

 

Ti potrebbe interessare anche

Così pagheremo con Facebook Messenger

Una foto scovata da uno studente di Stanford svela la strategia di Zuckerberg per i pagamenti mobili: saranno integrati nell’applicazione Facebook Messenger.

Social+eCommerce=Social Commerce. Così Facebook e soci hanno capito come fare (altri) soldi

Social, eCommerce e mobile si stanno mischiando sempre di più, fino a fondersi. Lo dimostrano l’attenzione dei big all’e-payment e i test sul tasto compra. Il social commerce, spiegato.

Perché troviamo ovunque il pulsante “compra”, anche su Google e Facebook

Il fenomeno dei Buy Button è in rapida ascesa. Qui tutti i numeri per capire perché tutti vogliono farci comprare online (e soprattutto da smartphone)

Cosa ho imparato su Facebook giocando in Borsa (e guadagnando bene)

Il racconto di Simone Tolomelli, che ha deciso di scommettere in tempi non sospetti sull’interesse di Facebook per l’invio di denaro.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it