Amazon investe 150 milioni per un nuovo Centro vicino Roma con 1200 posti di lavoro

Il nuovo edificio avrà un’estensione di 60.000 mq e partirà nell’autunno 2017. Dal 2010 a oggi, Amazon ha investito in Italia più di 450 milioni di euro

 

Amazon apre alle porte di Roma. A Passo Corese, per la precisione, frazione del Comune di Fara in Sabina in provincia di Rieti, a una trentina di km dalla capitale. Il colosso dell’ecommerce ha annunciato oggi l’avvio della realizzazione di un nuovo Centro di Distribuzione per soddisfare la crescita della domanda in Italia. Il nuovo polo logistico, che sarà il secondo Centro di Distribuzione di Amazon nel Paese, inizierà l’attività nell’autunno del 2017. L’investimento per il centro vicino Roma, delle dimensioni di 60.000 mq, sarà di 150 milioni di euro, con una creazione di 1.200 nuovi posti di lavoro entro tre anni dall’avvio delle attività.

amazon

Il secondo Centro di distribuzione italiano

Insieme al centro di distribuzione di Castel San Giovanni, la nuova unità operativa di Passo Corese consentirà ad Amazon di gestire la domanda attuale e futura, sia in Italia, dove un numero crescente di famiglie sceglie Amazon.it per i propri acquisti, sia in Europa. Entrambi i Centri di Distribuzione garantiranno ai clienti di Amazon in tutto il mondo un servizio ancora più rapido. L’avvio delle attività del nuovo Centro di Distribuzione è previsto per l’autunno del 2017. Amazon propone anche opportunità come il programma Career Choice, che offre ai dipendenti che intendono specializzarsi in un ambito specifico fino al 95% del costo delle rette e dei libri di testo per frequentare corsi professionali per quattro anni.

Posti di lavoro ed economia locale

“Negli ultimi cinque anni abbiamo creato più di 1.000 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato nel nostro centro di distribuzione attivo a Castel San Giovanni e oggi siamo lieti di annunciare che ne creeremo altri 1.200 nel nuovo polo di Passo Corese nei prossimi tre anni” ha dichiarato Roy Perticucci, Amazon Vice-President Operations Europe. “Questa nuova unità operativa sarà integrata nel network di Amazon che conta ventinove Centri di Distribuzione in sette Paesi europei, che ci permettono di rispondere alla crescita della domanda e di mantenere le nostre promesse di consegne veloci e affidabili ai clienti in Italia. Sono convinto – ha proseguito Perticucci – che da questo investimento trarrà vantaggio anche l’economia locale, con nuovi posti di lavoro e nuove opportunità per le imprese di collaborare con uno dei più avanzati network logistici al mondo, che raggiunge milioni di clienti in tutta Europa”. Anche il sindaco di Fara in Sabina, Davide Basilicata, si è detto molto soddisfatto della notizia: “Ripaga il lavoro della nostra amministrazione e quello di tutti i soggetti pubblici e privati che si sono impegnati per la realizzazione di questo progetto che oggi finalmente è divenuto realtà. Per Fara in Sabina e per il nostro territorio questo è un risultato decisivo per il rilancio economico e occupazionale che questa straordinaria occasione produrrà. Da oggi questo diventerà uno degli hub logistici più significativi d’Italia e tra i più strategici del Centro-Sud”.

SAN BERNARDINO, OCTOBER 29: Shipping orders go by on a conveyor belt at Amazon's San Bernardino Fulfillment Center October 29, 2013 in San Bernardino, California. Amazon's 1 million square-foot facility in the hard hit San Bernardino County has created more than 800 jobs at the center. Fulfillment centers are where products sold by other vendors on Amazon.com store their inventory. (Photo by Kevork Djansezian/Getty Images)

L’interesse crescente di Amazon per l’Italia

A partire dall’avvio delle sue attività in Italia nel 2010, Amazon ha investito nel Paese più di 450 milioni di euro e creato 1.700 posti di lavoro, secondo i numeri forniti dall’azienda. Il 2015, in particolare, è stato un anno record per la creazione di posti di lavoro da parte di Amazon in Europa: sono 10.000 i nuovi posti fissi, che hanno portato il personale europeo della società a superare complessivamente i 40.000 dipendenti. Il Centro di Distribuzione di Castel San Giovanni, che impiega più di 1.000 dipendenti, è stato aperto nel 2011, un anno dopo il lancio di Amazon.it. Inizialmente esteso su 26.000 mq, oggi copre un’area di 86.000 mq per poter gestire la crescente domanda dei clienti e far fronte alla crescita del catalogo Amazon.it, che oggi offre più di 136 milioni di prodotti. A novembre 2015 Amazon ha aperto il Centro di Distribuzione urbano di Milano (1500 mq) per il servizio ai clienti Amazon Prime Now. Oltre a questi investimenti negli impianti logistici del Paese, Amazon ha aperto i suoi uffici a Milano nel 2010, mentre ha scelto Cagliari quale sede del Customer Service, che impiega circa 300 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup