Alibaba compra Lazada per 1 miliardo. E ha fatto un grande affare

La piattaforma di eCommerce è controllata da Rocket Internet e opera in tutto il sud est asiatico. Cosa che interessa tantissimo Alibaba

Jack Ma, il papà di Alibaba fa la spesa fuori casa e acquista Lazada Group, piattaforma indonesiana di eCommerce che opera nel sud est asiatico. Il costo dell’operazione: 1 miliardo di dollari. Così il gigante dell’e-commerce prova a uscire dai confini cinesi, da dove derivano l’86% dei suoi guadagni.

US-CHINA-ECONOMY-ALIBABA-IPO

Ma chi c’è dietro Lazada?     

La piattaforma è controllata oggi dall’incubatore tedesco Rocket Internet che con l’operazione vende il 44% delle sue azioni. L’operazione prevede un investimento di 500 milioni di dollari e altri 500 per l’acquisto di titoli da alcuni azionisti, come la società inglese Tesco che ha ceduto all’ecommerce cinese l’8,6 % delle sue quote per una cifra di 129 milioni di dollari.

Il valore di Lazada così arriva a 1,5 miliardi di dollari.

Rotolando verso sud (est)

È un mercato incerto dove non ci sono ancora leader incontrastati. Oltre a Lazada altri big se lo contendono. Tokopedia, MathariMall, sono alcuni dei nomi che puntano alla fetta più grossa: l’Indonesia che con 256 milioni di consumatori è l’economia più importante del sud-est asiatico: «Alibaba va a insinuarsi in un mercato senza grossi player. Se da una parte, gli analisti prevedono una crescita dello shopping online nella regione, dall’altra molti dei Paesi che ne sono parte ancora pagano lo scotto della mancanza dei trasport e delle infrastrutture alla base del payment» è l’analisi di Bloomberg.

Leggi anche: Alibaba mette 154 milioni per farsi una scuola di eCommerce (coi giovani comunisti)

Il goal di Jack Ma, metà dei guadagni fuori dalla Cina

È un po’ questo l’obiettivo dell’ex insegnante di inglese e pensa di riuscirci entrando da protagonista in un mercato che vede una crescita imponente di mobile ed ecommerce. Con Lazada può così aggiungere la vendita di vestiti e prodotti di elettronica, facendo leva su una piattaforma, come quella indonesiana, capace di raddoppiare i suoi utili da 75 a 154 milioni di dollari  (tra il 2013 e il 2014).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Così Alibaba prepara la lotteria Fintech

Alibaba comprerà a prezzo stracciato una minuscola società di lotterie online di Hong Kong

Ebay in 3 mesi ha bruciato il 16% in borsa. Ma forse è solo sfiga

Tempi duri per la digital economy, anche per il gigante dell’eCommerce Ebay. Ma a ben vedere, forse, è colpa dei tassi di cambio sul dollaro (e di 2 eventi sfigati)

La vera storia di Alibaba, il gigante cinese che tiene sotto scacco (anche) Apple Pay

Jack Ma è partito nel 1995 con l’antenato di Alibaba e oggi sfida i colossi occidentali della Rete. Il cuore pulsante è il sistema di pagamento Alipay, da cui Apple (Pay) deve guardarsi le spalle.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Dal Mit un nuovo dispositivo che estrae acqua potabile dall’aria

Alimentato dalla sola energia solare, il sistema potrebbe aiutare a risolvere i problemi di approvvigionamento idrico nel mondo: con un materiale innovativo e una tecnologia all’avanguardia può funzionare anche in aree aride, dove l’umidità non supera il 20 per cento

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.