Trentenni, bravi sui social e lombardi (o romani): l’identikit di chi fa eCommerce in Italia

Confesercenti ha diffuso un report sull’eCommerce: in Italia entro l’anno più di 16mila attività venderanno online. E la maggior parte sono fatte da trentenni e quarantenni. Record in Lazio e Lombardia

Secondo le stime Confesercenti, nel 2016 le attività di eCommerce in Italia saranno quasi 16mila, il 165,4% in più rispetto al 2009, e entro 10 anni raggiungeranno quota 50 mila.

copertina-ecommerce-rapporto

Chi vende online è più giovane

Il fattore più rilevante dei profili imprenditoriali è quello anagrafico: gli startupper e imprenditori che scelgono di vendere online hanno circa 10 anni in meno rispetto alla media dei commercianti al dettaglio (39,7 anni contro 48,2), tanto che il 28,4% sono under 35 (nel commercio al dettaglio è 14,9%), così come più alta è la quota per gli under 50.

Dove si fa più eCommerce in Italia

Un terzo delle imprese di eCommerce italiane sono concentrate in 2 sole regioni: la Lombardia, che nel 2016 dovrebbe raccoglierne quasi 3 mila, e nel Lazio, dove se ne contano 1.840. Seguono la Campania, l’Emilia Romagna, il Piemonte, il Veneto e la Toscana.
Nel commercio e nel turismo l’accesso a internet invece è ormai un fatto diffuso, che nelle aziende di maggiore dimensione raggiunge oggi quasi il 100%. In ritardo, invece, i pubblici esercizi, per i quali la quota si attesta appena al 57,3%. Nelle aziende di maggiori dimensioni e che dispongono di un sito, nel caso dei servizi di alloggio quasi l’80% prevede un servizio di ordinazioni o prenotazioni online.

run-business

Quanto contano i social

Parallelamente a internet, l’utilizzo dei social media è entrato in modo consistente nelle attività del commercio e del turismo. Nella ricettività, per le imprese con più di 10 addetti la quota di utilizzo di almeno un social media è stimabile per il 2016 è dell’82,3%, quasi il 20% in più del 65,4% registrato nel 2013. La quota è del 59,3% per i pubblici esercizi (42,3% nel 2013) e del 51,1% nel commercio all’ingrosso e al dettaglio (partiva dal 26,9% del 2013). Social network quali Facebook, Linkedin (e anche Twitter) vengono usati principalmente per le opinioni/recensioni dei clienti, o anche per il customer care, mentre aumentano anche i contenuti multimediali quali foto e video.

Leggi: 8 strategie dei social media manager per chi fa eCommerce

Anche la diffusione della fatturazione elettronica è crescente, pure nei rapporti tra imprese. Per le attività con più di 10 addetti, il cartaceo per il 2016 resterà un fatto esclusivo per il 5,4% degli operatori del commercio all’ingrosso e al dettaglio (nella media del complesso delle imprese), per il 7,9% dei pubblici esercizi e per il 10,3% della ricettività. L’invio di fatture elettroniche in un formato adatto alla elaborazione automatica dei dati, sempre per le imprese più grandi, riguarderà il 23,7% del commercio all’ingrosso e al dettaglio (nella media del complesso delle imprese), per il 6,8% dei pubblici esercizi e per il 17,5% della ricettività.

Approfondisci: Fatturazione elettronica tra imprese, in arrivo incentivi e rimborsi dallo Stato

Ti potrebbe interessare anche

Social+eCommerce=Social Commerce. Così Facebook e soci hanno capito come fare (altri) soldi

Social, eCommerce e mobile si stanno mischiando sempre di più, fino a fondersi. Lo dimostrano l’attenzione dei big all’e-payment e i test sul tasto compra. Il social commerce, spiegato.

8 strategie dei social media manager per chi fa eCommerce

Ecco alcune regole base usate dai social media manager che possono essere utili anche a chi fa eCommerce

Una startup ha convinto Microsoft a far provare e comprare gli abiti con la Xbox. The Mall

Il camerino arriva sul divano di casa. Cos’è e come funziona The Mall, il nuovo servizio eCommerce su Xbox di una startup finanziata da Microsoft

I 5 ostacoli (da superare) del commercio elettronico

No need, no money, no hurry, no desire, no trust sono i 5 ostacoli dell’e-commerce da superare per vendere efficacemente online.

Le grotte della Sardegna dove si allenano gli astronauti del futuro. Il progetto CAVES

C’è un luogo, in Sardegna, dove ogni anno gli astronauti si allenano per prepararsi alle missioni nello spazio. Due settimane, d’estate, per testare le proprie capacità nelle profondità di grotte e anfratti naturali. Il progetto CAVES.