Una startup ha convinto Microsoft a far provare e comprare gli abiti con la Xbox. The Mall

Il camerino arriva sul divano di casa. Cos’è e come funziona The Mall, il nuovo servizio eCommerce su Xbox di una startup finanziata da Microsoft

Non sappiamo se la Xbox farà sparire i negozi, ma sappiamo che certamente ha aperto la strada a un nuovo modo di “vivere” l’eCommerce dell’abbigliamento. E’ stato infatti lanciato The Mall, il nuovo servizio di una startup irlandese incubata da Microsoft che promette di rivoluzionare l’esperienza di acquisto online.

the-mall-xbox

Come funziona The Mall

L’utente cerca sulla consolle tra i brand, visualizza i prodotti, selezionandoli, grazie alla tracking camera Microsoft Kinect si proietta nello schermo con gli stessi simulando la prova in camerino e può acquistarli in pochi tap.  La tecnologia è stata sviluppata da Von Bismark, startup di Dublino incubata da Microsoft Ventures. Il Ceo, Eoghan O’Sullivan, ha definito The Mall «il più grande passo verso un’esperienza di acquisto innovativa e ingaggiante per l’utente. L’interazione è lineare e veloce, senza frizioni, e permette di avvicinare per davvero mondo fisico e mondo virtuale».

Tra i primi brand a bordo negli Stati Uniti, al momento unico Paese dove il servizio sarà disponibile: SoccerPro, Style PB, Grayers e Go2Games. A febbraio è previsto il lancio anche nel Regno Unito ed in Canada.

Leggi anche: Microsoft aggiunge i pagamenti in bitcoin

I pagamenti li gestische Powa

Il pagamento, anche questo semplice ed online, viene gestito da Powa Technologies, e avviene attraverso carta di credito collegata al proprio account senza necessità di dover inserire nuovamente i propri dati di pagamento per ogni nuovo acquisto. Powa è nuova alle innovazioni in ambito pagamenti digitali e mobile che hanno ad oggetto anche canali come i media. In Italia ad esempio, ha lanciato nell’app di mobile commerce PowaTag un nuovo trigger di riconoscimento di immagini che trasforma instantaneamente la pubblicità su giornali e qualsiasi materiale stampato in un punto vendita interattivo. Sarà dunque sempre più semplice e verosimile per i consumatori effettuare acquisti ovunque e in qualsiasi momento con lo smartphone in un touch, attraverso una serie di punti di ingaggio differenti.

Emanuela Perinetti
@manuperinetti

Ti potrebbe interessare anche

9 milioni di italiani lo fanno online. Il regalo di Natale

Triplicati in 4 anni gli italiani che preferiscono affidarsi all’eCommerce per i regali di Natale. Ecco i numeri del report Netcomm e 4 trend per capire perché compriamo sempre più online

Bitcoin: Microsoft brucia Google

Uno a zero per Redmond. Mentre Google ci sta ancora pensando, qui Forbes raccontava lo scambio di e-mail fra il fondatore di CoinList Jarar Malik e il vice presidente di Google Vic Gundotra, Microsoft ha fatto un primo (piccolo) passo in direzione dei Bitcoin (qui il post di David Orban sulle potenzialità per gli emigrati).

Microsoft aggiunge i pagamenti in bitcoin

Rivoluzione in casa Microsoft: attraverso la piattaforma BitPay è possibile caricare bitcoin sul proprio conto e utilizzarli per comprare app, musica e giochi.

5 metodi di pagamento che gli italiani non conoscono ancora bene

Per acquistare online gli italiani si affidano nel 94% dei casi a Paypal e carte classiche, ma iniziano a farsi vedere 5 alternative più innovative, a partire dai portafogli digitali.

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti