5 consigli per far funzionare l’e-commerce sui social network

Usate i contenuti degli utenti, concentrate gli sforzi e imparate a sfruttare Facebook: questi e altri consigli per vendere online.

E-commerce_optimization-1170x877

Anni fa sostenevo che bisogna essere interessanti, prima che convenienti. Questo implica un grande sforzo in produzione di contenuti (sia social che editoriali). Ora il consiglio è sempre valido, ma ci sono ambiti in cui i contenuti sono talmente tanti e buoni, che emergere naturalmente, a mani vuote, è quasi impossibile (se non avete una nicchia sufficientemente ristretta). Per dire, le aziende inizieranno a pagare presto per diffondere i propri contenuti, e non solo su Facebook. Quindi, se nella vostra mente state pensando di produrre contenuti per far arrivare acquirenti gratuitamente, fate bene i vostri calcoli. 

1 Il content marketing non funziona sempre: tra costo di creazione e ritorno in termini di visibilità e traffico apportato allo store il risultato non è scontato. Le ricette, per esempio, hanno esaurito il loro compito. Ci sono più ricette che tegami, in Italia. 

2 Usate i social (soprattutto quelli che si adattano all’e-commerce, come Instagram) come fabbriche di contenuti gratis dagli utenti, pagando con perline di visibilità e riconoscenza. A che servono? A far credere agli altri clienti che siete pieni di clienti, e che quindi possono andare tranquilli. Tutti vogliono essere originali, ma poi vanno nel ristorante pieno, non in quello vuoto.

3 Concentrate gli sforzi. Basta con la gestione un account su ogni social dalla A di app.net alla Z di Zoosk (non sapete cos’è? io non vi ho detto nulla), magari pubblicando le stesse cose. Anche se siete un grande store e potete permettervi di spandere, scegliete sulla base di obiettivi precisi (traffico, social proof, rassicurazione, influencer, customer care), del pubblico e dei contenuti che vi sono congeniali. In ogni caso, probabilmente Facebook non lo potrete evitare, forse, e quindi fatevi la domanda se vi rimane tempo per altro — fatto seriamente. Non comprate il pacchetto chiavi in mano dall’agenzia social, che cerca di vendervi tutto il bouquet di canali, come Sky. Date un’occhiata di persona: Pinterest? Seriamente, quanti possibili tuoi clienti lo usano in Italia, su un milione di forse utenti totali? E allora zac, tagliato. Tumblr? Solo se vendo anche agli adolescenti. Twitter? Solo per customer care, se non vendo tech o media. YouTube: ho budget per produrre contenuti ad hoc e promuoverli? Ho idea di come farli? No? Zac. Google Plus? Ricerco, e non trovo nessun risultato? Clonate quello che postate su Facebook e sul blog e amen, e sperate nel SEO. Fousquare e altro, zac.

4 Facebook è l’unico canale social che porta traffico (e vendite). Non aspettatevi che il traffico degli altri sia sufficiente a farvi spedire un solo pacco in più. Accetto smentite, ma solo con Google Analytics alla mano.

5 Facebook è a pagamento. La messa è finita, pagate in pace. Avete una grande opportunità, quello del microtargeting. Offrite il prodotto x in zona y, al cliente z a cui piace la pagina w. Sponsorizzate post con buon engagement verso pubblici ad hoc. Calcolate il costo di acquisizione, e di lead (se si iscrivono alla newsletter, mettono nel carrello, ecc.). Confrontatelo con Google Adwords, avrete sorprese.

Articolo originariamente pubblicato su Minimarketing 

2 Commenti a “5 consigli per far funzionare l’e-commerce sui social network”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Dieci consigli per un e-commerce di successo, copiati dal supermercato

Negozio pieno, passaparola e prezzi accessibili: ecco 10 consigli per lanciare un e-commerce che funzioni basandosi sull’esperienza dei supermercati fisici.

Internet non affossa i negozi: 7 grafici spiegano perché

Una ricerca di Capgemini mostra come per gli acquirenti sito Internet e punto vendita fisico siano irrinunciabili, mentre l’importanza dei social network è fortemente ridimensionata.

Come funziona #AmazonCart, il servizio di e-commerce di Amazon e Twitter

Due giganti del Web insieme per facilitare l’esperienza di acquisto online. Si chiama #AmazonCart l’ultimo servizio nell’ambito dell’e-commerce e targato Amazon e Twitter. Tre semplici passi per spiegare come funzionerà: chi ha un account Twitter potrà connetterlo al proprio account Amazon, potrà rispondere con l’hashtag #AmazonCart ad ogni tweet contenente un link ad un prodotto… Read more »

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA