“Amazon non sa cosa sia il cibo”: Farinetti pronto a vendere online

Il numero uno di Eataly Oscar Farinetti lancia la sfida ad Amazon Fresh e punta tutto sullo storytelling.

DSC07159

Un enorme orto ripreso 24 ore su 24 che racconti il dietro le quinte dell’e-commerce Made in Italy. Questa l’idea di Oscar Farinetti per battere il rivale d’Oltreoceano Jeff Bezos, che con il suo Amazon Fresh minaccia di voler conquistare anche l’Europa con il suo mercato virtuale di frutta e verdura.

“In questi giorni è partito un progetto per vendere freschi online. Saremo noi i primi, non mi faccio battere da Google o da Amazon, che non sanno neanche cosa sia il cibo”.

La location di questa sorta di Grande fratello degli ortaggi non è ancora stata individuata, spiega Farinetti al quotidiano online Linkiesta ai margini di un incontro della società di consulenza Kiki Lab, ma lo scopo per cui è stato pensato appare chiaro: “Un prodotto senza narrazione non vale niente”perché per vendere i prodotti “al prezzo che meritano serve fare storytelling anche online”.

Oltre questa ragione di marketing, però, ci sono alcune questioni numeriche che il patron di Eataly non ha certo trascurato: “Noi cresciamo a tre cifre in Italia e a quattro cifre negli Usa. Le vendite online valgono l’uno per cento del totale, può sembrare poco ma è dieci volte la media del mercato, perché oggi solo lo 0,1% del cibo viene venduto online”. La scelta di aggredire questo segmento di mercato si spiega osservandone la crescita rispetto allo scorso anno: un 18% in più destinato, secondo le previsioni a salire rapidamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era