Banca etica stanzia 90K per progetti di promozione culturale (per il crowdfunding)

Fino al 26 maggio è possibile partecipare alla selezione di 15 progetti da inserire sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Il bando è aperto a proposte di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva

Novantamila euro per progetti di crowdfunding. È questa la cifra stanziata da Banca Etica per il nuovo bando pubblico lanciato per selezionare progetti da inserire nel proprio network sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Uno spazio online nato per raccogliere, attraverso il crowdfunding, fondi per realizzare progetti di promozione culturale, sociale e ambientale. Già da qualche anno Banca Etica ha iniziato a finanziare idee che generano utilità sociale e ambientale. Questo infatti è il terzo bando per il crowdfunding. I due già conclusi hanno visto ben 41 progetti presentati, di cui 22 finanziati (53%) e più di 170 richieste di partnership.

(Foto: Banca Etica)

Il programma

Un percorso (quello nato dalla partnership tra Banca Etica e Produzioni dal Basso) che cerca di dare impulso a nuovi modelli economici basati sui valori della finanza etica (trasparenza e produzione di valore sociale e ambientale) da un lato, e dall’altro su quelli riscontrabili nel Codice Etico di Produzioni dal Basso: net neutrality, sobrietà, equità e centralità della persona.

(Foto: Banca Etica)

Nuove forme di cittadinanza attiva

Il tema di quest’anno è “Produzioni culturali per la cittadinanza attiva e la sostenibilità”. Il bando intende sostenere la realizzazione da parte di organizzazioni (già attive o in fase di startup) di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva. Verranno selezionate fino a un massimo di quindici realtà, in base a criteri come l’originalità del progetto, la qualità del piano di comunicazione, la sostenibilità economica e l’impatto sociale e ambientale previsto.

Tetto massimo: 20K

Potranno candidarsi organizzazioni socie e clienti della banca, o che comunque si impegnano a diventarlo. I progetti dovranno raggiungere il 75% del finanziamento tramite crowdfunding e potranno quindi ricevere una donazione del 25% da Etica Sgr. Inoltre, è prevista l’esclusiva presenza per la raccolta fondi sul network di Banca Etica e su Produzioni dal Basso nel periodo 15 giugno – 8 agosto 2017, la promozione a cura della stessa Banca Etica e un corso di formazione specifica sul reward crowdfunding.

Il finanziamento è reso possibile dal Fondo per la microfinanza e il crowdfunding, costituito da Etica SGR e alimentato dalla scelta volontaria dei clienti, che devolvono lo 0,1% del capitale sottoscritto (1 euro ogni mille). Per candidarsi c’è tempo fino al 26 maggio. Il contributo per ciascun progetto non potrà superare i ventimila euro ed è subordinato alla capienza complessiva del fondo.

@antcar83

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti