Questa startup fa 1M in 10 secondi col crowdfunding e manda in down Seedrs. Il caso Tandem

Tandem, banca digitale, fa record con l’equity crowdfunding: 1,2 milioni raccolti in 15 minuti. Ma nei primi 10 secondi mette a segno un record incredibile

Solo 15 minuti per raccogliere 1 milione di sterline in equity crowdfunding (850mila sterline in appena 10 secondi, circa un milione di euro). È l’impresa realizzata da Tandem, la banca digitale senza filiali che funziona via smartphone. Il fondatore Ricky Knox, ex consulente finanziario e fondatore di startup di successo nel fintech, ha avviato la campagna di successo sulla piattaforma britannica Seedrs.

Il-team-di-Mondo

Oltre 2 milioni raccolti

La campagna, ancora attiva, ha superato i 2 milioni di sterline in questi giorni. A contribuire a gran parte della cifra cinque big player che hanno investito cifre che vanno da 99mila sterline, fino a un massimo di 399,993. Una situazione che ha deluso più di un piccolo investitore che ha criticato questa “aggressione” delle società con grosse disponibilità economiche: «Spero che Tandem consideri la possibilità di estendere l’equity per rendere felici tutti e non solo gli investitori istituzionali che possono permettersi centinaia di migliaia di sterline» ha scritto un utente sulla pagina ufficiale della campagna. A oggi la campagna ha raccolto 2, 152,541 sterline (oltre 2,5 milioni di euro) per il 3,17% di equity da più di 1.500 investitori.tandem seedrs

Cos’è Tandem

Si tratta di un’app che raccoglie dati e informazioni da offrire agli utenti così da permettergli di fare scelte finanziarie pià consapevoli. L’obiettivo è aiutarli a gestire i loro soldi, risparmiando fino a 3 mila sterline l’anno. L’app usa notifiche che avvisano l’utente su spese imminenti (come l’approssimarsi della scadenza di una bolletta) e lo invita a fare più attenzione.  Ancora poco si conosce sul modello di business. Dalle dichiarazioni rilasciate da Knox emerge un modello di banca dal volto più umano che non “affossa” i suoi clienti se superano i limiti della carta di credito o vanno sotto: «Nella nostra banca non ci saranno mai penalizzazioni» ha spiegato Knox a TheMemo. I guadagni per la banca digitale ci saranno sulle operazioni di prestiti e investimenti.

ricky-knox-tandem

Ricky Knox, founder di Tandem

Non ancora sul mercato e già vale 82 milioni

Sembra incredibile, ma è così. Già prima di iniziare la campagna di crowdfunding, Knox ha rivelato di aver ricevuto un finanziamento di 27 milioni di euro da un investitore che non passa di certo inosservato, si tratta di Pierre Omidyar, il papà di eBay. Sulla fiducia degli investitori pesa senza dubbio il cv di Knox che ha già realizzato Azimo, idea nel mobile payment capace di raccogliere più di 46 milioni di euro.

Una campagna record manda giù il sito

Tanto è stato il successo della campagna che la piattaforma Seedrs si è bloccata, mandando in bestia i migliaia di investitori che provavano ad assicurarsi anche un pezzettino della startup. Una circostanza imbarazzante che ha costretto Jeff Lynn, il Ceo della piattaforma a scusarmi ufficialmente con i suoi utenti. Nel frattempo, per rispondere a tutte le richieste di equity, la campagna è stata estesa: «Con più di 7.500 cofondatori che ci hanno sostenuto, siamo sicuro che ci stiamo muovendo nella direzione giusta per lanciare l’app quest’anno» spiega Knox.

Il precedente di Mondo e le neobanks britanniche

Qualche mese fa un’altra banca digitale ha fatto incetta di record in crowdfunding. Questa volta la piattaforma di raccolta era Crowdcube, e la startup, Mondo, era riuscita a raggiungere 1 milione di sterline in 1 minuto e 36 secondi. Tandem e Mondo non sono le uniche delle cosiddette neobanks. La concorrenza più forte viene da Atom, che ha una valutazione oggi di 150 milioni di sterline e 30mila utenti registrati dal lancio dello scorso mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un microchip sotto la pelle di 50 dipendenti. L’iniziativa aziendale che rivoluziona la vita in ufficio

La Three Square Market ha deciso di far scegliere ai propri impiegati se avere un microchip delle dimensioni di un chicco di riso impiantato tra il pollice e l’indice. Ma le conseguenze per privacy e salute non sono ancora chiare