Così i soldi delle grandi aziende finiscono sul crowdfunding

Indiegogo sovverte gli schemi e apre il crowdfunding alle imprese, guadagnando una grande fetta di mercato contro l’eterno rivale Kickstarter

Ai suoi primi passi, oramai qualche anno fa, il mondo del crowdfunding sembrava rigettare l’idea di avvicinarsi al mondo delle big corporation. Il cambio di rotta è arrivato da Indiegogo, il cui ultimo annuncio è stato proprio relativo all’apertura all’Enterprise Crowdunding. Le grandi aziende potranno partecipare alle campagne investendo sui progetti della piattaforma come qualsiasi alto utente privato iscritto.

crowfund

La sharing economy incontra l’open innovation

Uno strumento col quale, secondo il Ceo di Indiegogo Slava Rubin, le aziende potranno fare di fatto open innovation pagando una fee. Sicuramente l’iniziativa rappresenterà un boost per l’intero settore e per le aziende che aderiranno sarà anche un’ulteriore canale di connessione con i propri clienti. Indiegogo ha scelto così di porsi di fatto come un facilitatore di investimenti (in termini anche di processo oltre che di moltiplicatore di opportunità) anche per le aziende.

Leggi anche: Crowdfunding, con questi 8 consigli raccogli 1 milione

Occhi puntati sui furbetti

C’è chi scommette che questa apertura alla corporate comporterà dei cambiamenti anche sulla piattaforma. Ad esempio potrebbero essere introdotti maggiori controlli sulle campagne lanciate per evitare che possano ripetersi storie come quella di Kreyos, un’azienda produttrice di smartphone che nel 2013 ha raggiunto 1,5 milioni di dollari in un’unica campagna salvo poi fallire prima di lanciare, il primo orologio sul mercato anche solo su In Demand, la piattaforma eCommerce di Indiegogo per vendere online i prodotti finanziati.

Emanuela Perinetti
@manuperinetti

Un Commento a “Così i soldi delle grandi aziende finiscono sul crowdfunding”

  1. DeRev

    Noi italiani sappiamo stare al passo, e qualche volta anche un passo avanti: già da alcuni mesi, infatti, tante aziende italiane si stanno affacciando al crowdfunding sia per sperimentare e testare i propri prodotti sia per accelerare e sostenere le innovazioni del proprio settore. Ultimo esempio, ma molto significativo, è quello di Wind che in collaborazione con la nostra piattaforma ha appena lanciato Wind for Fund: http://windforfund.derev.com!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

C’è un pezzo d’Italia che sta sbancando Indiegogo

Empatica, nata in Italia, e Jolla, co-fondata dall’italiano Stefano Mosconi, hanno raccolto complessivamente più di un milione e mezzo di dollari in poche ore su Indiegogo.

Crowdfunding, con questi 8 consigli raccogli 1 milione

La sua startup ha raccolto 1,3 milioni in crowdfunding, ora il Ceo di Airtame rivela i segreti che hanno portato al successo della campagna. Sono 8 in tutto, eccoli.

Anche crowdfunding e Airbnb nel piano di Obama per i rifugiati

La Casa Bianca si appella al web per aiutare i rifugiati siriani. Al crowdfunding ci pensa Kickstarter, e ci sono anche Twitter, Instacart e Airbnb

Equinvest, il primo venture capital italiano basato sul crowdfunding

Raccogliere investimenti online tramite l’equity crowdfunding attraverso un fondo di venture capital: così Equinvest vuole sostenere le startup.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup