L’equity crowdfunding apre alle Pmi innovative: ecco i criteri da rispettare

Il decreto legge Investment Compact porta in dote l’importante introduzione della categoria delle Pmi innovative: ecco cosa prevede, accesso all’equity crowdfunding compreso

In questo primo anno di equity crowdfunding in Italia 4 startup hanno raccolto 1 milione e 300mila euro complessivi di finanziamenti. Una fase di rodaggio necessaria dopo l’introduzione di una norma lungimirante e potenzialmente dirompente. Per renderla efficace manca un aspetto. Anzi, mancava: perché il decreto legge Investment Compact approvato il 20 gennaio introduce una modifica decisiva attraverso l’istituzione della categoria delle Pmi Innovative.

“Vogliamo sostenere l’innovazione tecnologica in tutto il tessuto imprenditoriale italiano, non limitandoci alle startup”, spiega a SmartMoney Mattia Corbetta della segreteria tecnica del Ministero dello Sviluppo Economico. La possibilità di ottenere sostegno economico in Rete viene quindi estesa a questa nuova categoria di aziende che devono rispettare due su tre fra i seguenti criteri:

  •  3% del valore maggiore tra costi e ricavi riferibile a ricerca e sviluppo,
  • un terzo dei dipendenti laureato o un quinto dei dipendenti che siano dottori di ricerca, dottorandi o ricercatori,
  • proprietà o licenza di un brevetto, di una privativa industriale o di un software.

Le realtà in possesso dei requisiti devono fare un’autocertificazione da trasmettere alla Camera di Commercio, alla quale segue l’iscrizione al registro speciale e la conseguente possibilità di caricare i propri progetti sulle piattaforme di equity, che si rivolgono così a un bacino di riferimento decisamente più ampio. Il decreto dà la possibilità di cercare finanziamenti online anche ai fondi che investono in startup: “In questo modo gli investitori e i risparmiatori potranno puntare su interi portafogli di startup piuttosto che su singole realtà”, spiega Corbetta.

Tornando alle Pmi innovative, la novità per la categoria non si limita all’equity: come le startup innovative potranno godere delle agevolazioni e delle facilitazioni fiscali per gli investimenti. Escluse, invece, la flessibilità per i contratti e la disciplina per il fallimento.

Il decreto verrà convertito in legge tra 60 giorni e si candida a rendere una volta per tutte l’equity crowdfunding uno strumento efficace e, soprattutto, utile all’economia nostrana. Le Pmi vengono al contempo aiutate a trovare fondi e stimolate a investire in ricerca e sviluppo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito