Social e qualità prima di tutto: Musicraiser spicca il volo e attacca i mercati esteri

Il sito di crowdfunding musicale Musicraiser comincia la sua espansione fuori dai confini italiani e ottiene un finanziamento da 350 mila euro

Schermata 2014-05-27 alle 11.52.14

Dopo un anno e mezzo di attività la startup fin-tech Musicraiser spicca il volo oltre i confini italiani. E lo fa con i 350mila euro ottenuti dai fondi di venture capital b-ventures e Key Capital. La piattaforma di crowdfunding italiana fondata dal frontman dei Marta sui tubi Giovanni Gulino e dalla sua compagna e dj Tania Varuni è in realtà disponibile anche in inglese fin dagli esordi. “In questi giorni”, anticipa a SmartMoney Gulino, “stiamo iniziando a tastare il terreno per proporci nei paesi anglofoni. Dopo l’estate arriveranno le mosse decisive”.

Quello che già si sa, e che importante per guardare oltre lo Stivale, è che il 20% dei progetti andati a buon fine arriva già da altri paesi, dalla Colombia agli Stati Uniti passando per Islanda e Norvegia. “In un anno e mezzo abbiamo raccolto più di un milione di euro di capitale con 300 progetti, 250 dei quali discografici e 50 legati a festival, documentari o progetti speciali”, racconta con orgoglio il musicista 42enne. Oggi lavorano sulla piattaforma 5 persone a tempo pieno.

Marta_sui_tubi_1
Giovanni Gulino, co-fondatore di Musicraiser (foto di Monelle Chiti via Wikipedia)

Gulino tiene a sottolineare come la fase di selezione si sia dimostrata cruciale nel percorso compiuto: “Noi guadagniamo solo se i progetti raggiungono o superano il 100% di quanto richiesto, quindi cerchiamo di evitare a priori chi non ha una portata comunicativa adeguata”. Il concetto è interessante, soprattutto perché si sta parlando di un settore così delicato, quello della discografia, in un contesto, Internet, che collegato allo stesso è ancora difficile da interpretare. Da una parte Gulino spiega di voler dare una possibilità agli artisti e ai giovani talenti “ignorati dalle case discografiche che non sono più disposte a rischiare e investono solo su chi ha già un seguito”. Dall’altro però restringe il campo a quanti “sono in grado di comunicare in maniera chiara, semplice ed efficace il loro progetto. La prima cosa che guardiamo sono i social network: come li usano e in che modo possono sfruttarli”. Al seguito in dote si preferisce quindi un pubblico potenziale i cui accenni devono però già intravedersi, online chiaramente. Un approccio interessante in un momento in cui la vecchia e cara televisione continua a invadere con le fiammate da talent show i vertici delle classifiche.

Una volta adottata una causa Musicraiser dà il suo supporto alla circolazione del messaggio, attività compresa nel 15% di percentuale che trattiene sulle campagne andate a buon fine. E si parla di cifre molto interessanti. “Il picco l’abbiamo toccato con uno dei fondatori dei Litfiba Gianni Maroccolo: con il primo progetto ha raccolto 27mila euro e da qualche settimana ne ha fatto partire un secondo che ha superato i 20mila”, racconta Gulino.

Schermata 2014-05-27 alle 11.51.28

Anche le case discografiche si sono accorte delle potenzialità della piattaforma e, sempre per il discorso del seguito già acquisito, sono andati a pescare nel vivaio di Musicraiser: “Gli Amanti sono un esempio”. Dopo aver raccolto 4mila euro con il crowdfunding hanno prodotto il singolo Cane, che precede l’uscita dell’album Strade e Santi, con Universal.

Per quello che riguarda l’attacco ai mercati internazionali Gulino ha le idee chiare: “Il riferimento è Pledgemusic, piattaforma precedente anche a Kickstarter. Altro rivale, che abbiamo già superato in volumi, è Sellaband“. Idee chiare e portafoglio pieno: i presupposti sono ottimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola