CheBanca! Italian Fintech Awards 2016

CheBanca! vuole far crescere le migliori startup fintech italiane. Dalla call, aperta fino al 31 marzo, saranno scelte 12 finaliste che parteciperanno alla mentorship aziendale curata da CheBanca! con StartupItalia! Per la startup vincitrice ci sono 25 mila euro e un workshop a Londra. E per tutti la possibilità di una collaborazione diretta con CheBanca!
chebanca_italia

Nel 2014 CheBanca! presentava il GrandPrix per le startup italiane del fintech, ovvero l’innovazione tecnologica per le banche e la finanza. Sono passati due anni e oggi il fintech è, a livello globale, uno dei settori trainanti dell’economia digitale. Per questo, CheBanca! ha lanciato l’Italian Fintech Awards 2016. Le candidature si sono chiuse il 31 marzo.

Startup innovative, società di persone e team informali si sfideranno in sei categorie: Onboarding & engagement; Tech, data & cyber security; Servizi SME; Lending & investments; Payments; Alternative finance (Equity). La vincitrice sarà scelta tra le 12 finaliste che avranno accesso alla formazione aziendale curata da CheBanca! con StartupItalia! presso il Tag Calabiana di Milano.

In palio ci sono 25 mila euro, un workshop a Londra – vera capitale del fintech – e una sessione personalizzata di startup coach. La premiazione finale si terrà il 6 maggio a Milano, durante il FinTechStage.

È consigliato che la descrizione, nel form di seguito, contenga queste informazioni:

  • descrizione del team e delle proprie risorse e competenze;
  • descrizione dell’applicazione/servizio;
  • descrizione dei bisogni che si intende soddisfare;
  • descrizione della tecnologia sottostante;
  • per le aziende: breve sintesi (anche solo a livello di ordine di grandezza dei numeri in gioco) dei risultati economici in termini di fatturato, costi e investimenti.

LA CALL È CHIUSA! 

APPUNTAMENTO IL 6 MAGGIO A TALENT GARDEN CALABIANA, DURANTE IL FINTECHSTAGE, PER I CHEBANCA! ITALIAN FINTECH AWARDS 2016

Viaggio a Dubai, la città dove il futuro è già realtà

Dopo uno sviluppo urbano straordinario grazie alla ricchezza derivata dal petrolio, la città degli Emirati vuole cambiare ancora con la tecnologia e l’innovazione. E arriva addirittura a sfidare la natura con il progetto di costruire una montagna artificiale