CheBanca! Italian Fintech Awards 2016

CheBanca! vuole far crescere le migliori startup fintech italiane. Dalla call, aperta fino al 31 marzo, saranno scelte 12 finaliste che parteciperanno alla mentorship aziendale curata da CheBanca! con StartupItalia! Per la startup vincitrice ci sono 25 mila euro e un workshop a Londra. E per tutti la possibilità di una collaborazione diretta con CheBanca!

Nel 2014 CheBanca! presentava il GrandPrix per le startup italiane del fintech, ovvero l’innovazione tecnologica per le banche e la finanza. Sono passati due anni e oggi il fintech è, a livello globale, uno dei settori trainanti dell’economia digitale. Per questo, CheBanca! ha lanciato l’Italian Fintech Awards 2016. Le candidature si sono chiuse il 31 marzo.

Startup innovative, società di persone e team informali si sfideranno in sei categorie: Onboarding & engagement; Tech, data & cyber security; Servizi SME; Lending & investments; Payments; Alternative finance (Equity). La vincitrice sarà scelta tra le 12 finaliste che avranno accesso alla formazione aziendale curata da CheBanca! con StartupItalia! presso il Tag Calabiana di Milano.

In palio ci sono 25 mila euro, un workshop a Londra – vera capitale del fintech – e una sessione personalizzata di startup coach. La premiazione finale si terrà il 6 maggio a Milano, durante il FinTechStage.

È consigliato che la descrizione, nel form di seguito, contenga queste informazioni:

  • descrizione del team e delle proprie risorse e competenze;
  • descrizione dell’applicazione/servizio;
  • descrizione dei bisogni che si intende soddisfare;
  • descrizione della tecnologia sottostante;
  • per le aziende: breve sintesi (anche solo a livello di ordine di grandezza dei numeri in gioco) dei risultati economici in termini di fatturato, costi e investimenti.

LA CALL È CHIUSA! 

APPUNTAMENTO IL 6 MAGGIO A TALENT GARDEN CALABIANA, DURANTE IL FINTECHSTAGE, PER I CHEBANCA! ITALIAN FINTECH AWARDS 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup