CheBanca! Italian Fintech Awards 2016

CheBanca! vuole far crescere le migliori startup fintech italiane. Dalla call, aperta fino al 31 marzo, saranno scelte 12 finaliste che parteciperanno alla mentorship aziendale curata da CheBanca! con StartupItalia! Per la startup vincitrice ci sono 25 mila euro e un workshop a Londra. E per tutti la possibilità di una collaborazione diretta con CheBanca!
chebanca_italia

Nel 2014 CheBanca! presentava il GrandPrix per le startup italiane del fintech, ovvero l’innovazione tecnologica per le banche e la finanza. Sono passati due anni e oggi il fintech è, a livello globale, uno dei settori trainanti dell’economia digitale. Per questo, CheBanca! ha lanciato l’Italian Fintech Awards 2016. Le candidature si sono chiuse il 31 marzo.

Startup innovative, società di persone e team informali si sfideranno in sei categorie: Onboarding & engagement; Tech, data & cyber security; Servizi SME; Lending & investments; Payments; Alternative finance (Equity). La vincitrice sarà scelta tra le 12 finaliste che avranno accesso alla formazione aziendale curata da CheBanca! con StartupItalia! presso il Tag Calabiana di Milano.

In palio ci sono 25 mila euro, un workshop a Londra – vera capitale del fintech – e una sessione personalizzata di startup coach. La premiazione finale si terrà il 6 maggio a Milano, durante il FinTechStage.

È consigliato che la descrizione, nel form di seguito, contenga queste informazioni:

  • descrizione del team e delle proprie risorse e competenze;
  • descrizione dell’applicazione/servizio;
  • descrizione dei bisogni che si intende soddisfare;
  • descrizione della tecnologia sottostante;
  • per le aziende: breve sintesi (anche solo a livello di ordine di grandezza dei numeri in gioco) dei risultati economici in termini di fatturato, costi e investimenti.

LA CALL È CHIUSA! 

APPUNTAMENTO IL 6 MAGGIO A TALENT GARDEN CALABIANA, DURANTE IL FINTECHSTAGE, PER I CHEBANCA! ITALIAN FINTECH AWARDS 2016

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli