Italian Fintech Awards: da CheBanca! 25K e un biglietto per Londra. Ecco come partecipare

CheBanca! cerca le migliori startup e idee fintech italiane. La call scade il 31 marzo

Lo avevamo preannunciato e adesso ci siamo! Dopo l’esperienza del Gran Prix del 2014 arrivano ora gli Italian Fintech Awards di CheBanca!. 6 categorie in gara, 12 finalisti (che avranno comunque la possibilità di collaborare con CheBanca!) e per chi vince un grant da 25 mila euro e un viaggio a Londra, capitale mondiale del fintech. La call e aperta ufficialmente da oggi e scade il 31 marzo.

fintech-awards_copertina

Chi può partecipare

Agli Italian Fintech Awards di CheBanca! possono partecipare tutte le startup innovative (si definiscono startup innovative le società di cui all’art.25 del D.L. n. 179/2012, convertito in L. n. 221/2012, e successive modifiche), le società di persone e i team informali, anche se non ancora costituiti in società o startup.

Quali progetti possono concorrere

Sono 6 le categorie in gara:
1. Onboarding & engagement;
2. Tech, data & cyber security;
3. Servizi SME;
4. Lending & investments;
5. Payments;
6. Alternative finance (Equity).

Per ognuna di queste categorie una giuria qualificata selezionerà i migliori 2 progetti, che andranno a comporre la platea dei 12 finalisti. Il vincitore verrà premiato il 6 maggio a Milano alla giornata finale del Fintech Stage.

Per iscriverti clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Italian Fintech Awards: CheBanca! manda a Londra la migliore startup italiana

12 finalisti, 6 categorie in gara. Chi vince va a Londra con un assegno da 25K. Cosa è cambiato in 2 anni di fintech italiano, dal primo GrandPrix a una nuova grande avventura: gli Italian Fintech Awards

Ciprian (modeFinance): «Un voto al fintech italiano? Una B, perché non siamo alla sufficienza piena»

E’ una delle migliori startup fintech italiane, ora modeFinance è diventata un’agenzia di rating europea e lavora con 500 multinazionali. Abbiamo intervistato il co-founder Mattia Ciprian

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA