Italian Fintech Awards: da CheBanca! 25K e un biglietto per Londra. Ecco come partecipare

CheBanca! cerca le migliori startup e idee fintech italiane. La call scade il 31 marzo

Lo avevamo preannunciato e adesso ci siamo! Dopo l’esperienza del Gran Prix del 2014 arrivano ora gli Italian Fintech Awards di CheBanca!. 6 categorie in gara, 12 finalisti (che avranno comunque la possibilità di collaborare con CheBanca!) e per chi vince un grant da 25 mila euro e un viaggio a Londra, capitale mondiale del fintech. La call e aperta ufficialmente da oggi e scade il 31 marzo.

fintech-awards_copertina

Chi può partecipare

Agli Italian Fintech Awards di CheBanca! possono partecipare tutte le startup innovative (si definiscono startup innovative le società di cui all’art.25 del D.L. n. 179/2012, convertito in L. n. 221/2012, e successive modifiche), le società di persone e i team informali, anche se non ancora costituiti in società o startup.

Quali progetti possono concorrere

Sono 6 le categorie in gara:
1. Onboarding & engagement;
2. Tech, data & cyber security;
3. Servizi SME;
4. Lending & investments;
5. Payments;
6. Alternative finance (Equity).

Per ognuna di queste categorie una giuria qualificata selezionerà i migliori 2 progetti, che andranno a comporre la platea dei 12 finalisti. Il vincitore verrà premiato il 6 maggio a Milano alla giornata finale del Fintech Stage.

Per iscriverti clicca qui

Ti potrebbe interessare anche

Italian Fintech Awards: CheBanca! manda a Londra la migliore startup italiana

12 finalisti, 6 categorie in gara. Chi vince va a Londra con un assegno da 25K. Cosa è cambiato in 2 anni di fintech italiano, dal primo GrandPrix a una nuova grande avventura: gli Italian Fintech Awards

Ciprian (modeFinance): «Un voto al fintech italiano? Una B, perché non siamo alla sufficienza piena»

E’ una delle migliori startup fintech italiane, ora modeFinance è diventata un’agenzia di rating europea e lavora con 500 multinazionali. Abbiamo intervistato il co-founder Mattia Ciprian

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli