Italian Fintech Awards: da CheBanca! 25K e un biglietto per Londra. Ecco come partecipare

CheBanca! cerca le migliori startup e idee fintech italiane. La call scade il 31 marzo

Lo avevamo preannunciato e adesso ci siamo! Dopo l’esperienza del Gran Prix del 2014 arrivano ora gli Italian Fintech Awards di CheBanca!. 6 categorie in gara, 12 finalisti (che avranno comunque la possibilità di collaborare con CheBanca!) e per chi vince un grant da 25 mila euro e un viaggio a Londra, capitale mondiale del fintech. La call e aperta ufficialmente da oggi e scade il 31 marzo.

fintech-awards_copertina

Chi può partecipare

Agli Italian Fintech Awards di CheBanca! possono partecipare tutte le startup innovative (si definiscono startup innovative le società di cui all’art.25 del D.L. n. 179/2012, convertito in L. n. 221/2012, e successive modifiche), le società di persone e i team informali, anche se non ancora costituiti in società o startup.

Quali progetti possono concorrere

Sono 6 le categorie in gara:
1. Onboarding & engagement;
2. Tech, data & cyber security;
3. Servizi SME;
4. Lending & investments;
5. Payments;
6. Alternative finance (Equity).

Per ognuna di queste categorie una giuria qualificata selezionerà i migliori 2 progetti, che andranno a comporre la platea dei 12 finalisti. Il vincitore verrà premiato il 6 maggio a Milano alla giornata finale del Fintech Stage.

Per iscriverti clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Italian Fintech Awards: CheBanca! manda a Londra la migliore startup italiana

12 finalisti, 6 categorie in gara. Chi vince va a Londra con un assegno da 25K. Cosa è cambiato in 2 anni di fintech italiano, dal primo GrandPrix a una nuova grande avventura: gli Italian Fintech Awards

Ciprian (modeFinance): «Un voto al fintech italiano? Una B, perché non siamo alla sufficienza piena»

E’ una delle migliori startup fintech italiane, ora modeFinance è diventata un’agenzia di rating europea e lavora con 500 multinazionali. Abbiamo intervistato il co-founder Mattia Ciprian

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup