Il borsellino digitale per pagare cash e Mobile. La soluzione di Sparkling18

Un kit per effettuare pagamenti su tutti i canali, un Payment Gateway e un dashboard: con il co-founder Imanuel Baharier il punto sulla soluzione che accompagna il cliente da un canale all’altro fno all’acquisto e al pagamento senza ostacoli

Cosa significa multicanalità? Di norma è associata alle vendite: si parte dal tradizionale Bricks & Mortar (il negozio fisico come lo definiscono gli inglesi) e si arriva alle moderne modalità di vendita on line. Che si tratti di vendita diretta on line (quindi sul sito ecommerce di proprietà del gruppo) o di vendita su centri commerciali digitali la meccanica è pur sempre la stessa. Resta tuttavia un tema che, con difficoltà, solo oggi si sta affrontando: i dati. Allo stato attuale esistono varietà di sistemi di pagamento online: dalla carta di credito al conto paypal. Tra di loro non sempre la comunicazione è istantanea. Al lato pratico il danno per il venditore di servizi risulta essere una mancanza di totale visione sui propri clienti.  Detto così non appare un grave danno, ma se pensiamo che sempre più la vendita on line rappresenterà una percentuale importante delle vendite totali, avere una visione parziale dei propri clienti (gusti, scelte, interessi) risulta essere un danno per ogni pianificazione di marketing, comunicazione, la base delle strategie digitali.  Per compensare questo vuoto è nata Sparkling18. Ho pensato di fare due chiacchiere con Imanuel Baharier il co-founder.

Sparkling18

Da dove nasci?
«Grazie alla mia esperienza decennale come General Manager di Verifone in Italia, siamo stati in grado di creare Sparkling18 con un obiettivo preciso: dare una risposta concreta all’esigenza del mondo bancario e retail di migrare i vecchi sistemi elettronici di pagamento e incasso verso l’omnichannel»

Cosa significa?
«Stessa esperienza e stesso utilizzo dello strumento di pagamento su tutti i canali. La carta di credito usata ad esempio allo stesso modo online, su web, mobile o fronte cassa. Convergenza completa dei diversi strumenti di pagamento e fidelizzazione; quindi carta fedeltà, coupon e loyalty completamente integrati e digitalizzati».

 Quali sono i vantaggi per un gruppo che decide di usare la vostra soluzione?
«Diviene possibile seguire il cliente lungo tutta la customer journey con la massima fluidità e accompagnarlo da un canale all’altro sino all’acquisto e al pagamento senza ostacoli. Mi viene fame, consulto sullo smartphone il menù take away di una catena di ristorazione, scelgo alcuni prodotti, cambio idea, mi reco al ristorante, ceno e salto la fila alla cassa perché pago direttamente al tavolo con il cellulare dividendo il conto con un amico».

Quindi quali strumenti avete creato per rendere tutto questo possibile?
«Abbiamo creato un set di tre strumenti semplicissimi che mettiamo a disposizione di banche e retailer».

Il kit, il Payment Gateway e la dashboard

Il primo è un kit costituito da poche righe di codice che consente di rendere qualunque app in grado di effettuare pagamenti su tutti i canali. RoadHouse, catena del Gruppo Cremonini, Banca MPS, Rossopomodoro, Supershop Ungheria lo utilizzano ad esempio per le proprie mobile app. Il secondo è un Payment Gateway, che consente a grandi e piccoli retailer fra cui ci piace ricordare Vodafone, di accettare pagamenti elettronici con tutti gli strumenti a disposizione del cliente, salvarne le carte di credito, per poi offrire la possibilità di pagare one click e cioè senza più reinserire i propri dati.  Il terzo strumento è una dashboard, un pannello di controllo per il negoziante fruibile da tablet, smartphone, cassa e PC che consente di gestire il proprio transato elettronico e nel contempo effettuare attività di CRM, couponing e fidelizzazione arricchite dalle informazioni di pagamento in modo semplice ed immediato.

Tutto bello. Parliamo di sicurezza?
«La sicurezza delle nostre soluzioni è garantita oltre che dalla tecnologia proprietaria da noi ideata, anche dall’ambita certificazione PCI DSS 3.2 Level 1 che manleva i nostri clienti, i loro clienti e noi stessi da qualunque responsabilità. Il mix di tecnologia, cultura aziendale e innovazione che caratterizza Sparkling18 ci ha consentito di ottenere la fiducia di importanti player sul mercato che hanno instaurato con noi rapporti di partnership e collaborazione come CartaSì, MoneyManagement, Bassilichi, Sia e Mastercard. Quest’ultima ci ha peraltro fatto l’onore della certificazione globale di Mastercard Platinum Digital Vendor, accordata a due sole aziende nel mondo».

Quali sono i vostri competitor italiani e stranieri?
«Il mercato dei digital payment è a prima vista estremamente affollato, ma Sparkling18 si pone come soluzione che crea spazio in sinergia e collaborazione con tutti i player. Possiamo quindi individuare prevalentemente coopetitor più che competitor, come conseguenza del nostro approccio, fra cui ad esempio Reply, Adyen, PayPal».

Prossimi sviluppi?
«Siamo attualmente impegnati su alcuni importanti fronti. In ambito commerciale procede l’apertura dei diversi vertical a cui dedichiamo le nostre soluzioni. Il mondo food, entertainment, GDO, travel sono alcuni dei segmenti su cui ci stiamo concentrando con la declinazione dei nostri servizi per dare risposta puntuale alle esigenze specifiche che incontriamo via via. Stiamo nel contempo procedendo all’apertura di diversi mercati in ambito Sepa, implementando i modelli ed i servizi rodati in Italia. Sul piano tecnologico abbiamo in cantiere alcune importanti innovazioni in ambito contactless NFC, CRM e Wallet che semplificheranno ancor di più la vita di negozianti e utenti. Sono progetti avviati e rivoluzionari a cui guardiamo con entusiasmo ed impazienza per la loro portata rivoluzionaria».

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it