Anche Goldman Sachs è nella blockchain, ecco SETLcoin

La notizia è ufficiale: il gigante dell’alta finanza Usa ha depositato una domanda di brevetto per una nuova criptovaluta: SETLcoin. E sono già 30 le grandi banche affascinate dalla Blockchain

Anche Goldman Sachs avrà presto la sua criptomoneta. A fine novembre, infatti, ha inoltrato all’US Patent & Trademark Office la propria richiesta di brevetto per un nuovo sistema di compensazione e regolamento delle operazioni finanziarie in una nuova cryptocurrency, denominata SETLcoin.

goldman-sachs_copertina-setlcoin

Cos’è SETLcoin?

E’ una valuta crittografata per pagamenti sicuri, o meglio, come recita l’istanza trasmessa all’ufficio brevetti Usa, “Cryptographic Currency For Securities Settlement”. E’ la stessa Goldman Sachs a delineare lo scenario nel quale matura la scelta di dotarsi di una crimptovaluta: «I trader – spiega la banca di Manhattan – utilizzando la tecnologia descritta, scambiano i titoli di scambio presentando una transazione aperta sui fondi associati nei rispettivi portafogli. La proprietà di SETLcoin viene immediatamente trasferita a un nuovo proprietario dopo l’autenticazione e la verifica, basate su registri di rete all’interno di una rete peer to peer che garantisce l’esecuzione quasi istantanea».

La Blockchain è sexy

Secondo il sito FinanceMagnates.com, il gruppo Goldman Sachs si candida ad avere un ruolo di primo piano nella Blockchain: ha aderito a R3CEV, un consorzio di banche (arrivato già a 30 membri) nato con l’obiettivo di sviluppare comuni conoscenze e tecnologie sull’uso di criptovalute e, soprattutto, della Blockchain.

E anche se nel mondo ancora molte banche tradizionali continuano a snobbare bitcoin, lo stesso non può dirsi per il gruppo Goldman, che ad aprile ha investito 50 milioni di dollari sulla startup fintech Circle, specializzata nel trasferimento di moneta digitale, che si vanno ad aggiungere ad altri 20 milioni investiti sulla rete ad alta velocità di Perseo, che ha come target il trading ad alta frequenza, uno dei settori chiave di Goldman.

Secondo il Federal Financial Institutions Examination Council (FFIEC), da giugno 2015 Goldman Sachs è la quinta più grande holding bancaria, con assets per 859,93 miliardi di dollari.

Non solo Goldman, le altre criptobanche

Goldman non è il primo operatore a brevettare la propria cryuptocurrency. Citi e Bank of New York Mellon stanno già sperimentando la tecnologia Blockchain con i loro CitiCoin e BK Coins. I criptogiganti sono già qui.

Aldo V. Pecora
@aldopecora

 

Ti potrebbe interessare anche

Beyond Bitcoin: the other new currencies paired with payment systems

Bitcoin is just the starting point: realities like Ripple and Blockstream are examples of an evolution towards a totally decentralized finance.

Ciao ciao lucchetti, i nuovi messaggi eterni si scrivono sulla Blockchain. Ecco come

Oltre Bitcoin, Blockchain è anche un muro dove scrivere messaggi in eterno. Ci ha pensato un italiano che spiega qui come fare, con Eternity Wall

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti