Bitcoin: Microsoft brucia Google

Uno a zero per Redmond. Mentre Google ci sta ancora pensando, qui Forbes raccontava lo scambio di e-mail fra il fondatore di CoinList Jarar Malik e il vice presidente di Google Vic Gundotra, Microsoft ha fatto un primo (piccolo) passo in direzione dei Bitcoin (qui il post di David Orban sulle potenzialità per gli emigrati). All’interno del… Read more »

Uno a zero per Redmond. Mentre Google ci sta ancora pensando, qui Forbes raccontava lo scambio di e-mail fra il fondatore di CoinList Jarar Malik e il vice presidente di Google Vic Gundotra, Microsoft ha fatto un primo (piccolo) passo in direzione dei Bitcoin (qui il post di David Orban sulle potenzialità per gli emigrati).

All’interno del convertitore di valuta di Bing è stata inserita anche la moneta digitale basandosi sui dati di CoinBase. Il servizio per ora è disponibile solo per Australia, Canada, India, Regno Unito e Stati Uniti. O per chi utilizza la versione statunitense del motore di ricerca.

Schermata 2014-02-11 alle 12.40.39

Leggi anche MtGox: “Il protocollo Bitcoin è difettoso”.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti