Bitcoin: Microsoft brucia Google

Uno a zero per Redmond. Mentre Google ci sta ancora pensando, qui Forbes raccontava lo scambio di e-mail fra il fondatore di CoinList Jarar Malik e il vice presidente di Google Vic Gundotra, Microsoft ha fatto un primo (piccolo) passo in direzione dei Bitcoin (qui il post di David Orban sulle potenzialità per gli emigrati). All’interno del… Read more »

Uno a zero per Redmond. Mentre Google ci sta ancora pensando, qui Forbes raccontava lo scambio di e-mail fra il fondatore di CoinList Jarar Malik e il vice presidente di Google Vic Gundotra, Microsoft ha fatto un primo (piccolo) passo in direzione dei Bitcoin (qui il post di David Orban sulle potenzialità per gli emigrati).

All’interno del convertitore di valuta di Bing è stata inserita anche la moneta digitale basandosi sui dati di CoinBase. Il servizio per ora è disponibile solo per Australia, Canada, India, Regno Unito e Stati Uniti. O per chi utilizza la versione statunitense del motore di ricerca.

Schermata 2014-02-11 alle 12.40.39

Leggi anche MtGox: “Il protocollo Bitcoin è difettoso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA