Chi era David Rockefeller, l’erede della dinastia (che rinnegò i petrolieri)

Banchiere, papà del gruppo Bildeberg e della Trilaterale, David Rockefeller è morto all’età di 101 anni

È morto, all’età di 101 anni, David Rockefeller. Il banchiere, già numero uno di Chase Manhattan Bank (oggi JPMorgan Chase), oltre ad essere stato uno dei fondatori del gruppo Bildeberg e della Trilaterale, era l’ultimo nipote ancora in vita di John D. Rockefeller, il fondatore di Standard Oil. Nel ranking di Forbes era inserito al 581mo posto tra più facoltosi del pianeta e al primo tra i ricchi più anziani grazie a un patrimonio di 3,3 miliardi di dollari.


Rockefeller non era noto solo come banchiere ma anche come filantropo. Nel 2006 ha concesso 225 milioni di dollari in eredità al Rockefeller Brothers Fund, istituito insieme ai suoi fratelli nel 1940. L’anno prima aveva donato 100 milioni a due grandi istituzioni newyorchesi: il Moma, che aveva cofondato insieme alla madre, e la Rockefeller University, un ateneo lanciato da suo nonno. Nel 2008 altri 100 milioni di euro erano stati destinati all’università di Harvard, in Massachussets.

Quando aveva “rinnegato” il petrolio

Di recente fatto scalpore la decisione del fondo di investimento della famiglia Rockefeller di uscire dalla ExxonMobil, la più importante compagnia petrolifera al mondo. Martha, John, Laurence, Nelson e David Rockefeller hanno deciso che ritireranno i loro soldi per la condotta riprovevole della multinazionale che avrebbe nascosto le prove sull’effetto dei combustibili fossili sui cambiamenti climatici. In più la Exxon, secondo le accuse dei Rockefeller avrebbe finanziato un gruppo di ricercatori per studi per negare i cambiamenti climatici.

Potrebbe interessarti anche

Quando la new economy era il petrolio, e dio si chiamava Rockefeller

E’ uno dei personaggi più ricchi (e odiati) della storia e oggi il suo patrimonio varrebbe 340 miliardi. Chi era davvero John D. Rockefeller, il signore del petrolio… Continua a leggere l’articolo »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Quando la new economy era il petrolio, e dio si chiamava Rockefeller

E’ uno dei personaggi più ricchi (e odiati) della storia e oggi il suo patrimonio varrebbe 340 miliardi. Chi era davvero John D. Rockefeller, il signore del petrolio

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito