Così il digitale sta trasformando le banche. Antonietti (Accenture): «seguire gli standard Google, Amazon, Facebook, Apple»

A Milano, su invito di Accenture e Sole 24 Ore, si incontreranno i manager delle principali banche italiane per discutere insieme di scenari e strategie della trasformazione digitale. Abbiamo raccolto qualche anticipazione

Ritorna domani, 30 novembre, a Milano, il principale evento dedicato ai top manager del settore bancario, Retail Banking Conference 2016, organizzato da Accenture in collaborazione con Il Sole 24 Ore.

I lavori della quarta edizione della conferenza saranno dedicati a “Nuovi modelli di banca sostenibile nell’era digitale”, con l’obiettivo di stimolare un confronto sui cambiamenti strutturali portati dalla trasformazione digitale tra i principali esponenti del mondo bancario e finanziario italiano.

Alberto Antonietti, manager di Accenture, ha anticipato a SmartMoney alcuni dei temi di cui si discuterà nel corso dell’evento.

financial-tarding750-500

La trasformazione digitale entra in banca

In uno scenario in cui gli eventi congiunturali in atto hanno un forte impatto sul sistema bancario e in cui la redditività della banche non remunera adeguatamente il capitale, gli istituti bancari italiani hanno la necessità di mettere in atto importanti programmi di trasformazione volti a raggiungere una nuova profittabilità e sostenibilità, obiettivo rispetto al quale l’innovazione tecnologica rappresenta una leva fondamentale.

Per promuovere la propria trasformazione in senso digitale, le banche dovranno innanzitutto sviluppare una strategia di ecosistema sia con partner commerciali che con partner tecnologici, con l’obiettivo di ingaggiare i clienti secondo gli standard di Customer Experience cui sono abituati dai GAFA (Google, Amazon, Facebook, Apple), che garantiscono velocità e tempestività nell’erogazione dei servizi.

Come cambia il mercato

La creazione di ecosistemi allargati darà inoltre alle banche un forte vantaggio competitivo, ovvero la capacità di offrire anche servizi non finanziari indirizzando i reali bisogni dei Clienti, quali ad esempio sconti su prodotti/servizi delle aziende del proprio network, piattaforme Casa, Auto, Travel, Health nel Retail, servizi a valore aggiunto basati su Analytics a clienti Corporate.

Nel processo di acquisto dei prodotti bancari, l’utilizzo del digitale in Italia è in crescita, colmando progressivamente il gap rispetto ai mercati europei, ma occorre che le banche accelerino ulteriormente il proprio processo di trasformazione, in quanto i comportamenti dei consumatori stanno evolvendo rapidamente. Per farlo, è cruciale che le banche operino con Agende Digitali chiare, che contribuiscano significativamente al recupero di redditività.

Le sfide per le banche

Un processo evolutivo, questo, che dovrà coinvolgere sia le reti distributive, attraverso il ripensamento dei format delle filiali e della loro presenza sul territorio, che i processi operativi, attraverso l’uso di tecnologie come Robotics e Cognitive Computing.

Fondamentale per le banche sarà inoltre evolvere le competenze in senso tecnologico dei propri dipendenti, che dovranno essere sempre più orientati alla gestione del cliente e del servizio. Sarà interessante confrontarci nel corso del nostro evento con i top Manager del settore bancario italiano per capire come stanno gestendo il re-skilling delle loro persone e come pensano sia possibile colmare alcuni gap interni attraverso il ricorso a nuove e più “liquide” forme di approvvigionamento dei talenti, quali crowdsourcing e acquisto as a service di data scientist.

Alberto Antonietti
*managing director Accenture Strategy, Financial Services Lead

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito