In Estonia puoi aprire un conto senza mettere piede in banca (anche se sei e-resident)

Da novembre 2016, è possibile per cittadini e residenti digitali estoni aprire un conto in banca senza doversi recare in filiale per l’identificazione facciale

Fino al 1 novembre 2016, l’unica cosa che in Estonia non si poteva fare in modo completamente digitale era aprire un conto in banca: occorreva recarsi fisicamente almeno una volta in filiale per un riconoscimento facciale. La nuova regolamentazione estone sulle banche entrata in vigore con il mese di novembre, invece, permetterà di aprire conti online senza che i clienti mettano piede in filiale. Le nuove disposizioni sono valide sia per i cittadini estoni, sia per gli e-residents, ovvero gli stranieri che hanno richiesto e ricevuto la cittadinanza elettronica estone, possibilità che il piccolo paese baltico ha cominciato a offrire dalla fine del 2014.

Leggi anche: Cos’è la residenza digitale (e perché in Estonia contano di farci un sacco di soldi) 

estonia2

Come si apre un conto a distanza

L’identificazione del cliente avverrà tramite un video in diretta che permetterà di far combaciare l’immagine ai dati presenti sulla sua carta di identità digitale. L’ID di un cittadino estone è molto diversa dalla nostra carta d’identità. La carta d’identità digitale è stata introdotta in Estonia oltre 10 anni fa: oggi ce l’ha in tasca praticamente ogni cittadino. Ogni ID ha associato anche un codice personale.

Con questo numero, un cittadino estone può fare praticamente qualsiasi cosa, anche se non ha fisicamente la carta con sé.

L’ID estone funge anche da patente, tessera elettorale, tessera sanitaria, codice fiscale. Non solo: molti cittadini hanno la Mobile ID, cioè la carta d’identità con la SIM che si può collegare al conto bancario. Con la Mobile ID si possono fare tutti i tipi di pagamenti elettronici e, se inserita in un pc o in uno smartphone, si possono anche sottoscrivere documenti con la firma digitale.

La video-intervista

Il cliente che vorrà aprire un conto in banca, dunque, dopo aver fornito la sua ID, verrà intervistato attraverso una videochiamata, procedura che permetterà alla banca di accertare il livello di rischio della persona, quindi approfondire il suo background e l’origine delle sue entrate. L’intera procedura viene registrata e archiviata. Le banche conserveranno il diritto di concedere un conto solo successivamente all’identificazione della persona in filiale: starà a loro scegliere se o offrire o meno questo servizio ai loro clienti.

Conto in banca, anche per i residenti digitali

“Aprire un conto in banca sarà più semplice e più veloce per tutti, anche per gli e-residents – ha detto il ministro delle finanze estone Sven Sester – Vogliamo rendere le cose più convenienti ma anche mantenere la sicurezza necessaria al settore finanziario. Le soluzioni tecnologiche che permettono di identificare le persone a distanza ci sono ed è giusto usarle per permettere alle banche di aprire conti online”. La cosa da non sottovalutare è che anche gli e-residents potranno usufruire dell’identificazione a distanza. I cittadini stranieri hanno cominciato a richiedere la residenza digitale nella primavera del 2015. L’Italia è al sesto posto per numero di richieste della e-residency: sono 691 le persone che l’hanno ricevuta finora.

@carlottabalena

Leggi anche: Addio carte e contanti: in Estonia si fa tutto con l’identità digitale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito