Trasferire fino a 13 mila euro al volo, su blockchain. Santander lancia la sua app

Iniziano i test reali degli istituti di credito: grazie alla startup Ripple, Santander ha già rilasciato un’applicazione per i trasferimenti internazionali di denaro. Trasferimenti rapidi, senza intermediari

Le grandi banche internazionali cominciano a testare sul serio i meccanismi della Blockchain. Fra le prime applicazioni potrebbe esserci la velocizzazione dei pagamenti internazionali, che al momento impiegano alcuni giorni per essere contabilizzati da un angolo all’altro del pianeta. Secondo alcune indiscrezioni di questi giorni, un buon numero di istituti come Santander e Ubs sarebbe già nel vivo degli esperimenti grazie alle soluzioni fornite dalla startup statunitense Ripple. Come previsto, insomma, la logica del “registro condiviso” costituita dalla Blockchain, tappeto alla base dei Bitcoin, comincia a mettere un piede nella vita reale.

Gli istituti coinvolti

Fra gli altri istituti ci sarebbero Santander, UniCredit, Ubs, ReiseBanck, Cibc, National Bank of Abu Dhabi e Atb Financial. Sono i primi a fare sul serio, a parte altre organizzazioni che hanno sperimentato internamente l’utilità di una catena diffusa e rapida di certificazione di una qualsiasi transazione, a prova di sofisticazione e manomissione. Gli ambiti finanziari nei quali potrebbe essere utilizzata sono moltissimi. Ma pare si potrebbe partire proprio dai bonifici internazionali. Che nelle intenzioni di Ripple dovrebbero diventare facili e veloci come inviarsi un messaggino.

bitcoin

 

Cosa fa Ripple

Ripple sfrutta proprio la logica della Blockchain mettendo le banche in comunicazione fra loro ed evitando il ricorso a un ente centrale e superiore. Comprimendo così i costi e abbattendo i tempi – fino a “pochi secondi”, racconta il Ceo Chris Larsen – dei rapporti interbancari.

Un campo potenzialmente esplosivo: “Questi movimenti bancari equivalgono a inviare una lettera – ha spiegato alla Cnbc – la spedisci e non sai quando arriverà. Ripple è come iMessage, spedisci e sai immediatamente com’è andata”. Il punto è che una tecnologia come quella della Blockchain potrebbe rendere profittevole e conveniente anche la mole di operazioni piccole e di importi limitati sulle quali le banche hanno margini ristretti ma che comportano costi notevoli.

Logotipo_del_Banco_Santander

L’altro consorzio

Come noto, un consorzio di grandi banche, fra cui Intesa Sanpaolo, è inoltre al lavoro con la compagnia R3 per studiare il terreno d’applicazione. Ne fanno già parte 45 istituti di credito e finanziari. All’inizio dell’anno Barclays ha per esempio testato un sistema per scambiare derivati con gli “smart contract” in base a un meccanismo simile a quello della Blockchain. E Santander, grazie a Ripple, ha già sviluppato una sua app per trasferire pagamenti fino a 13mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

3 consigli non richiesti a quella banca che odia le startup

A darli è una dei Ceo più potenti al mondo, Inga Beale. La guida di Loyd Londra spiega perché banche, assicurazioni e finanza devono allearsi alle startup: sono già in ritardo

Anche i russi vogliono entrare nella Blockchain

La Banca centrale russa vuole usare la Blockchain. Notizia in 280 caratteri

Aveva «una camionata di debiti», poi chiama la sua startup Blockchain (e raccoglie 30,5 milioni)

Quasi simultaneamente Draghi, Putin e il Corriere si interessano di blockchain. Perché stanno saltando i paradigmi della finanza mondiale, e i protagonisti di questa svolta epocale sono i trentenni

Blockchain conquisterà le banche in 3 tappe, da oggi al 2025

Un report di Morgan Stanley spiega i vantaggi della blockchain e i tre step per legare la tecnologia agli istituti finanziari

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente