Le 6 mosse per fare una digital bank (che funzioni), secondo McKinsey

Come sta cambiando il mercato delle banche e dei servizi finanziari? Secondo McKinsey siamo alla fase 2, ovvero della transizione completa al mobile

Siamo alla fase 2 dello sviluppo della banca digitale, secondo gli analisti McKinsey. La prima fase ha visto gli istituti finanziari aggiungere alcune esperienze lato mobile ai consumatori, mentre la seconda è una vera e propria rivoluzione “nella quale gli utenti faranno tutte le operazioni finanziarie via mobile (apertura del conto, pagamenti, risoluzione dei problemi con la carta di credito…) senza mai mettere piede in una filiale”. La multinazionale di consulenza americana ha identificato 6 fattori da prendere in considerazione per creare una digital bank di successo. Eccoli.

hero-the-rise-of-the-digital-bank

1. A ciascuno il suo modello

McKinsey consiglia di non cadere nella tentazione di imitare altri modelli di business, come quelli di alcune digital bank dell’Est Europa (come la polacca mBank) perché possono funzionare solo in Paesi dove le carte di credito non sono popolari. L’approccio giusto invece è di capire quali sono le soluzioni che possono funzionare nei diversi territori in cui si decide di operare. La chiave è segmentare l’offerta e adattarla alle abitudini del Paese che si vuole conquistare, tenendo conto anche differenti normative di ognuno nel campo bancario.

2. Test, test e ancora test

L’ideale secondo McKinsey è iniziare con una fase di test per ogni nuovo servizio che si propone, un modello di sviluppo secondo i principi del Mininum Viable Product che “serve a identificare quali sono i bisogni reali degli utenti e ad abbassare del 70% la possibilità di commettere errori e difetti nel prodotto”. I test sono fondamentali perché permettono di andare contro a tutto ciò che un business dà per scontato, come è successo con i millennial che, come risulta a ricerche e al contrario di quanto si pensi, non sono inclini ad accedere ai servizi bancari digitali attraverso il login sui social media.

ceo McKinsey

Dominic Barton, global managing director di McKinsey

3. Approcci smart al lavoro

Per costruire un prodotto secondo l’approccio “lean” occorre creare 2 aeree, le stesse che secondo McKinsey le banche non hanno saputo creare negli anni:

1. Un aerea di collaborazione tra team con diverse competenze. Per costruire un buon prodotto bancario, infatti, occorre avere competenze sulle nuove tecnologie, ma anche conoscenze di design, branding, e del business model di una banca. Il team a lavoro su una digital bank deve racchiudere tutte queste conoscenze, soprattutto in aeree molto critiche come quella normativa. Non bisogna partire con tante persone: Activobank, digital bank portoghese, ha iniziato con un team di 6-8 persone.

2. Un open space per accelerare i prodotti. «Questo significa uno spazio con lavagne, tavole rotonde, dove possono riunirsi e collaborare insieme tutte le persone coinvolte nello sviluppo di una banca digitale, sviluppatori, esperti di sicurezza, marketing, investimenti…» spiega McKinsey. In questo modo il passaggio dall’ideazione a una prima versione del prodotto può avvenire anche in quattro settimane.

4. Farsi amici i siti di eCommerce

Quelle più utili sono per McKinsey le partnership con big dell’eCommerce: «I player dell’e-commerce possono essere utili perché offrono alle banche digitali l’opportunità di creare servizi di prestiti agli utenti, per negozianti con store di piccole e medie dimensioni. I vantaggi sono anche per l’eCommerce, poiché un più facile accesso al finanziamenti fa crescere le vendite. Se infatti i consumatori sanno che c’è disponibilità di credito anche vendere frigoriferi o televisioni, diventa molto più facile».

5. Mettere tutto su cloud

Adottare una soluzione cloud, soprattutto nel campo dell’archiviazione dei dati, permette di essere più competitivi sul mercato, diminuire i costi, scalare più velocemente e favorire la collaborazione con altri partner del fintech con un sistema di open API, spiega McKinsey.

Approfondisci

6. Marketing creativo

La promozione rappresenta per una banca digitale dal 25 al 30% delle spese totali. I costi possono, tuttavia, abbassarsi usando due chiavi, come spiega McKinsey, passaparola e creatività: «Ciò comporta andare più a fondo di quello che fanno le banche, con un’analisi su come massimizzare i ritorni sulla base delle distinzioni geografiche (per esempio, focalizzando su Twitter a Jackarta, WeChat in Cina) e su specifiche nicchie di consumatori (come per esempio targettizzando con le ads di Facebook “millenials che giocano a golf”».

Potrebbe interessarti anche

Sono banche vere, ma lavorano solo su smartphone. Sono 12, in tutto il mondo. Eccole

banche-digitali_copertina

Da Atom a Tandem, lista delle 12 startup che vogliono rottamare le banche: niente filiali, si fa tutto da mobile. Continua a leggere…»

Un Commento a “Le 6 mosse per fare una digital bank (che funzioni), secondo McKinsey”

  1. stefano

    A la ricerca di prestito da oltre 12 mesi. Ho finalmente Sig. Muscolino Giovanni, che finalmente il mio aiutate a trovare il prestito di 35.000€ dunque io sono ragione molto felice per la quale ho preso il mio tempo di testimoniarla poiché attualmente sono in pace. Dunque voi che siete nella necessità poiché io potete scriverle e spiegarle la vostra situazione potrebbe aiutarvi la sua mail:……….. muscolinogiovanni61 @ gmail.com

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Sono banche vere, ma lavorano solo su smartphone. Sono 12, in tutto il mondo. Eccole

Da Atom a Tandem, lista delle 12 startup che vogliono rottamare le banche: niente filiali, si fa tutto da mobile.

10 trend globali per capire come sarà il Fintech quest’anno (e dove investire)

Intel, Google e i big della Silicon Valley fanno girare più soldi delle banche, i mobile payments e i prestiti p2p fanno boom. E’ cambiato tutto: alle banche piacciono le startup, e vogliono diventare davvero disruptive. Questi trend spiegano tutto

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito