50 miliardi per chi porterà le banche nel futuro. Ecco i mega trend fintech da seguire subito

Le multinazionali e i giganti del settore finanziario e bancario che non sapranno innovare saranno spazzate via dalla digital distruption. E per le startup fintech c’è una torta che vale 50 miliardi di dollari. In un report di IMD e Cisco i trend e mega trend da seguire

Monopoli e oligopoli addio, spazzati via dalla digitalizzazione. Un vortice che “sbriciola” le multinazionali, elimina le barriere per aspiranti imprenditori, dà nuova forma ai mercati. Tutti i settori sono toccati, ma il fintech più di altri: c’è spazio per idee rivoluzionarie in un mercato che vale 50 miliardi di dollari. I trend e i mega trend spiegati da un’indagine (Digital Vortex Report di IMD e Cisco) e un bel articolo di Arifa Khan, investitore bancario ed esperta del settore.

Credits: usabilitygeek.com

Così il Fintech sta cambiando il mondo

Proliferano le startup nel fintech (raccontiamo qui ogni giorno le loro storie). Le più brave, e fortunate, si siedono a un banchetto che vale 50 miliardi di dollari. «Le banche sono sistemi arcaici che non rispondono ai bisogni delle nuove generazioni. La rivoluzione in corso non nasce da misure decise dall’alto, come quelle di una grossa banca, o da crisi come quella del debito greco, ma dalla lenta, costante crescita dell’influenza del fintech nel mondo» spiega Arifa Khan, fintech evangelist, che quantifica in 12 miliardi di dollari gli investimenti globali nel settore.

IoT, bitcoin, wereable. I mega trend Fintech

Tutto è partito con gli smartphone. Ha fatto il resto la convergenza tra il mobile, Internet delle cose, retail, pagamenti e sistema bancario: «È il nuovo ordine del mondo. Le cose che le banche considerano come innovative, Facebook, Wifi, iPhone, sono già vecchie per le nuove generazioni. Intelligenza artificiale, criptovaluta, tecnologie indossabili, la digitalizzazione sta ridisegnando le nostre esperienze come consumatori. Le banche devono accettare di essere parte di un ecosistema che sono gli stessi clienti a costruire» continua Khan.

«Non siamo lontani da un futuro in cui le offerte di prestiti, mutui, saranno fatte sulla base di come usi il telefono, del tuo sesso, faccia e perfino delle tue emozioni» sottolinea Khan.

mobile-apps-tools-concept-illustration-Feature_1290x688_KL

5 “onde” da cavalcare

Secondo la fintech evangelist ci sono 5 trend di cui sentiremo molto parlare e sui quali banche e startup fintech dovrebbero concentrare idee e risorse:

1. Criptomonete e Blockchain;
2. Innovazione nei pagamenti;
3. Focus sull’esperienza del cliente e iniziative delle banche per mettere il consumatore al centro dei loro servizi;
4. Nuovi servizi per la sicurezza del cliente e nelle procedure di autenticazione;
5. Nuovi modelli e alternative nei sistemi di lending online.

Fintech digital disruption

Dopo media e retail, è il Fintech il settore dove c’è maggiore spazio per fare una rivoluzione. Lo dice il report di IMD e Cisco con un’indagine che coinvolge 941 business leader nel mondo. Come si fa per loro una digital disruption: «1) Offri più valore per i tuoi consumatori. 2) Fai qualcosa di utile per la società. 3) Migliora la qualità della vita dei clienti. 4) Crea un business più sostenibile. 5) Aumenta la sicurezza di dati e informazioni».

Giancarlo Donadio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

30 account Twitter da seguire per sapere tutto sul Fintech

Una selezione dei 30 migliori account che su Twitter aggiornano gli utenti sulle novità del fintech, dai pagamenti mobili al Bitcoin

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup