Ha 26 anni e ha già una banca (che ha raccolto 12 milioni), Number26

Aprire un conto in chat e senza mai andare in filiale. E’ questo il futuro delle banche? La startup di un giovane austriaco ha già 80 mila utenti e adesso punta a espandersi in tutta Europa. Storia di Number26

8 minuti con una video chat e il conto è attivo, direttamente (e solo) sullo smartphone. No, non è un sito a luci rosse, ma Number26, la startup fintech di un 26enne austriaco di cui si parla tanto e che sta facendo una piccola rivoluzione nel mondo della finanza.

Valentin Stalf, Ceo Number26

Valentin Stalf, Ceo Number26

Cos’è e come funziona Number 26

Tecnicamente, la startup altro non è che la faccia digitale di una banca, la tedesca Wirecard Bank. L’utente scarica l’app e in pochi minuti, crea il conto corrente. Al termine dell’operazione di registrazione, parte una video call dove l’utente dovrà mostrare la sua carta di identità e rispondere ad alcune domande: «In Europa per aprire un conto corrente hai bisogno di prendere un appuntamento con la banca e riempire un sacco di documenti. È un sistema vecchio che non risponde alle esigenze delle nuove generazioni» spiega a TechCrunch il Ceo di Number 26 Valentin Stalf.

Dopo l’iscrizione l’utente riceve una carta di credito che può usare all’interno di tutti i circuiti Master Card senza pagare alcuna commissione. In più può usufruire di una serie di servizi (conoscere in tempo reale le sue transazione, sapere come spende i suoi soldi, e consigli su come risparmiare e gestire nel modo migliore le proprie finanze). E strumenti per la sicurezza: blocca la carta toccando un tasto dell’applicazione.
Come guadagna Number26? «Con una fee a carico dei commercianti sugli acquisti effettuati e un interesse sui depositi degli utenti nelle banche partner» riporta Forbes.

number26

12,5 milioni e scalata all’Europa

Partita in Austria e Germania, la startup ha già 80 mila utenti e ha annunciato la sua espansione in 6 nuovi mercati (oltre all’Italia, Francia, Spagna, Irlanda, Slovacchia e Grecia): «I mercati in cui abbiamo deciso di operare sono una perfetto esempio di Paesi dove i servizi finanziari sono di difficile accesso e super costosi. Burocrazia, tecnologie obsolete, sono presenti in questi mercati. E la soluzione è la digitalizzazione di tutti i servizi» spiega Stalf che con la sua idea ha raccolto 12,5 milioni di euro di finanziamenti (tra gli investitori Peter Thiel, fondatore di PayPalEarlybird Venture Capital e Redalpine Venture Partners.).

Una curiosità

26 non è solo l’età del giovane founder austriaco. Il numero 26 si riferisce alle 26 mosse per risolvere il cubo di Rubik, soluzione scoperta da due scienziati, Daniele Kunkle e Gene Cooperman nel 2007: «Se hai la giusta strategia, anche questioni complesse, come il cubo di Rubik, o la sterminata burocrazia del sistema bancario, possono essere risolte» ha rivelato Stalf a Business Insider.

Giancarlo Donadio

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti