Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Un motore di ricerca della moda, focalizzato su Torino, Roma, Napoli e Bologna, oltreché Milano e Palermo. Papèm, l’app che ha l’obiettivo di abbattere le barriere tra negozio fisico e virtuale e che permette di trovare informazioni, su base geolocalizzata, su prodotti e negozi di abbigliamento e design in città, continua a crescere.

papem

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha sviluppato una piattaforma grazie alla quale gli utenti possono trovare i prodotti in stock nei negozi intorno a loro e decidere se andare in negozio per toccare con mano il prodotto oppure acquistare direttamente tramite app (scaricabile anche qui).

Fare una startup fintech a Milano, poi tornare dove tutto ebbe inizio, a Palermo (e dare lavoro lì)

I negozi in città a portata di smartphone

«Dopo mesi di duro lavoro – ha dichiarato Alberto Lo Bue, 27 anni, ceo e co-fondatore della società, ex data scientist a Rocket Internet – siamo in grado di fornire il primo strumento omni-canale a tutti i brand e i negozi di moda, senza fargli sostenere alcun costo di sviluppo. Ai nostri utenti, sempre in forte crescita, permettiamo di avere i negozi in città sempre a portata di smartphone, di scoprire chi ha cosa, in quale taglia e in quale colore, e risparmiare tempo e denaro pianificando il proprio shopping».

 

 

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari