Redazione

Redazione

Ago 13, 2017

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Un motore di ricerca della moda, focalizzato su Torino, Roma, Napoli e Bologna, oltreché Milano e Palermo. Papèm, l’app che ha l’obiettivo di abbattere le barriere tra negozio fisico e virtuale e che permette di trovare informazioni, su base geolocalizzata, su prodotti e negozi di abbigliamento e design in città, continua a crescere.

papem

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha sviluppato una piattaforma grazie alla quale gli utenti possono trovare i prodotti in stock nei negozi intorno a loro e decidere se andare in negozio per toccare con mano il prodotto oppure acquistare direttamente tramite app (scaricabile anche qui).

Fare una startup fintech a Milano, poi tornare dove tutto ebbe inizio, a Palermo (e dare lavoro lì)

I negozi in città a portata di smartphone

«Dopo mesi di duro lavoro – ha dichiarato Alberto Lo Bue, 27 anni, ceo e co-fondatore della società, ex data scientist a Rocket Internet – siamo in grado di fornire il primo strumento omni-canale a tutti i brand e i negozi di moda, senza fargli sostenere alcun costo di sviluppo. Ai nostri utenti, sempre in forte crescita, permettiamo di avere i negozi in città sempre a portata di smartphone, di scoprire chi ha cosa, in quale taglia e in quale colore, e risparmiare tempo e denaro pianificando il proprio shopping».