Applicazioni da capogiro: Snapchat adesso vale 10 miliardi di dollari

A cavallo dell’ultimo investimento il valore di Snapchat è schizzato a 10 miliardi dai “soli” 2 del 2013. La usano mensilmente 100 milioni di utenti. In novembre arrivano news e pubblicità.

Snapchat-flashy-features

Dopo l’acquisto di Whatsapp da parte di Facebook per 19 miliardi di dollari (ne abbiamo parlato qui) le super-valutazioni delle applicazioni mobili fanno un po’ meno impressione. I 10 miliardi di valore stimato toccati da Snapchat in queste ore rimangono comunque una cifra pazzesca.

L’iconcina ha ottenuto un investimento da parte di Kleiner Perkins Caufield & Byers, presente anche fra i foraggiatori di Uber, e il suo valore si è impennato dai 7 miliardi stimati a inizio anno. Nel 2013, quando Facebook era pronto a sborsare 3 miliardi per aggiudicarsela, la cifra si aggirava intorno ai 2. Il tutto senza un modello di business chiaro ma forte degli oltre 100 milioni di utilizzatori mensili, due terzi dei quali si connettono quotidianamente. Questo dato, l’unico a cui ci si possa aggrappare per ragionare sui soldi che ruotano intorno a questi prodotti digitali, è interessate se comparato con quello di Whatsapp e soprattutto di Twitter, che con i suoi 271 milioni di fedelissimi vale 29 miliardi.

 

Tornando a Snapchat, in novembre una virata in direzione delle notizie e della pubblicità dovrebbe guardare a una concretizzazione (economica) del successo ottenuto fra i più giovani con i messaggi a tempo.

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti