Ecco LevelUp, la startup dei pagamenti che fa diventare grandi le startup: «Saranno i colossi di domani»

Sono in commercio da maggio i servizi basati sulla tecnologia iBeacon di LevelUp, a breve le campagne di couponing e i programmi di loyalty.

LevelUp

Tra le startup legate ai mobile payment LevelUp è tra quelle che ha riscontrato un maggiore successo. La piattaforma di pagamenti americana, nata nel 2011, che permette di compiere transazione attraverso il QR code associato alle carte di credito non smette di stupire e innovare. Così ecco il nuovo servizio pensato appositamente per le startups che necessitano di un sistema di pagamento via mobile veloce e sicuro.

L’offerta di LevelUp include: 3 mesi di transazioni effettuate attraverso LevelUp gratuite per l’esercente; un servizio gratuito di direct email e direct marketing per annunciare la partnership e pubblicizzare il servizio nei mesi successivi; card promozionali customizzabili per fidelizzare i client delle startups che decidono di pagare con LevelUp.

In seguito ai primi 3 mesi di transazioni gratuite la commissione applicata sarà intorno all’1,90% ma continueranno ad essere offerti senza alcun costo stumenti di analytics, CRM e addizionali.
Il direttore R&D di LevelUp Kate Reynolds, in occasione della presentazione del servizio, ha sottolineato quanto sia strategico per un’azienda di pagamenti online e mobile puntare sull’acquisizione di clientela come gli startupper oltre a crescita e sviluppo. Alcune di queste giovani aziende saranno, auspicabilmente, i colossi del domani.
Per queste startup LevelUp ha in programma ulteriori implementazioni specifiche dei propri servizi. A maggio è partita la commercializzazione di servizi basati sulla tecnologia iBeacon mentre manca solo la messa a punto per campagne di couponing e programmi di loyalty mirati ( basati sulla geolocalizzazione) per tutte quelle startup che ne faranno richiesta.

Sul fronte CRM si è mossa invece implementando un servizio di “ InApp Surveys” che consente alle aziende di raccogliere immediatamente, tramite mobile, i feedback sul servizio e gli eventuali reclami da parte della clientela. L’esempio più recente di startup che si è affidata in white label (produzione in conto terzi) a LevelUp è quello di Georgetown Cupcakes. I clienti che desiderano scegliere, ordinare e pagare il proprio cupcake customizzato via mobile possono farlo fruendo della stessa esperienza di acquisto (made by LevelUp) che già conoscono per altri tipi di pagamento. Reynolds ha sottolineato come questo aumenti la fiducia nel fare acquisti tramite lo smartphone e renda più probabile l’aumento di frequenza nell’utilizzo dello strumento. “If we can get people through their third transaction, they’re almost guaranteed to extend the use to two, three times a week”.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari