Candy Crush assume 165 persone dopo lo scivolone a Wall Street

foto Wall Street Journal Campagna acquisti aperta. Anzi, spalancata. King Digital Entertainment, società editrice di Candy Crush fondata dall’italiano Riccardo Zacconi, ha aperto 165 nuove posizioni, che rappresentano il 25% della sua forza lavoro esistente. Lo riporta il Wall Street Journal. La maggior parte delle posizioni aperte sono relative a sviluppo e design e a… Read more »

EM-AZ533_KINGJO_G_20140331063038
foto Wall Street Journal

Campagna acquisti aperta. Anzi, spalancata. King Digital Entertainment, società editrice di Candy Crush fondata dall’italiano Riccardo Zacconi, ha aperto 165 nuove posizioni, che rappresentano il 25% della sua forza lavoro esistente. Lo riporta il Wall Street Journal.

La maggior parte delle posizioni aperte sono relative a sviluppo e design e a figure che sappiano coordinare la realizzazione di nuovi software, a conferma della necessità della società britannica di lanciare sul mercato mobile nuovi giochi in grado di rendere solido e profittevole un business che evidentemente non ha convinto gli investitori. Durante la prima settimana a Wall Street (ne avevamo scritto qui) le azioni sono scivolate del 20% a 18,08 dollari dai 22,50 di partenza. E Candy Crush si è recentemente visto scavalcare negli States da Clash of Cleans della finlandese Supercell Oy.

screen568x568

Oltre che sul fronte dello sviluppo, la ricerca è attiva sul fronte del marketing e su quello delle risorse umane per le sedi di Londra e Stoccolma.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. AP Moller-Maersk ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari