Ci scambieremo soldi in chat con i messaggi | Apple Pay

La novità è in arrivo con iOS11 (e con i nuovi iPhone) nel corso dell’autunno 2017. E basterà un’impronta digitale per inviarsi denaro, peer-to-peer

Al keynote della Worldwide Developer Conference a San Jose, in California, Apple (per bocca del brillante Craig Federighi, vice presidente senior della divisione software di Cupertino) ha annunciato succose novità per Apple PaySì, proprio  il sistema di pagamento tramite iPhone, iPad e Apple Watch sbarcato anche in Italia poche settimane fa, a due anni dal lancio statunitense. Al momento si può usare solo con carte di credito e debito Visa, V Pay, Mastercard e Maestro (presto anche American Express) rilasciate dai circuiti bancari Unicredit, Carrefour Banca e con la carta virtuale Boon. Ma stanno per aggiungersi anche Banca Mediolanum e, più avanti, CartaBcc, ExpendiaSmart, Fineco, Hype, N26 e Widiba. Non solo.

Apple Pay supporterà anche lo scambio di denaro fra utenti. Per farlo passerà attraverso la riprogettata Messaggi

l’applicazione di messaggistica dell’ecosistema della Mela che continua la sua trasformazione verso una piattaforma a 360 gradi con negozi e store specifici per diversi tipi di contenuti, dalle gif agli adesivi fino all’apertura a servizi terzi come Uber o food delivery.

Peer-to-peer

Dopo il passo nei pagamenti digitali smaterializzati nei negozi e online è arrivato dunque anche quello peer-to-peer. Ci si passano piccole somme in chat proprio come ci si spediscono messaggi, gif o animazioni. L’unico passaggio ulteriore che occorrerà fare, prima di mandare i soldi, sarà autenticare il messaggio con l’impronta digitale. Proprio come di fronte a un POS contactless in un negozio oppure per gli acquisti in rete. Superando così in un sol colpo anche strumenti noti e molto utilizzati come PayPal, antesignana del comparto, Venmo e Square.

In arrivo con iOS11

La nuova funzionalità arriverà con iOS11, cioè la nuova versione del sistema operativo mobile prevista per l’autunno. Sarà quella di cui saranno equipaggiati i nuovi iPhone, in qualsiasi modo si chiameranno. Non è chiaro se Apple Pay integrerà questa possibilità anche al di fuori di Messaggi. I fondi che ci si scambia saranno memorizzati su un’Apple Pay Cash Card dalla quale trasferirli poi, tramite bonifico, al proprio conto corrente.

Il chip Nfc si apre a nuove opportunità

Non basta. Pare che il nuovo sistema operativo ospiterà una nuova tecnologia Nfc, near field communication, in grado di spingere le opportunità di utilizzo dei dispositivi ben oltre i pagamenti. In sostanza salteranno alcune delle restrizioni nell’uso del chip di prossimità, allargando le opportunità dal mondo payment a quello delle carte di ogni tipo (anche se esistono applicazioni che già svolgono questo compito) o a usi completamente diversi: dai biglietti del cinema a quelli del treno, ben oltre le carte d’imbarco memorizzate in Wallet.

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti